Digital Life

Facebook: marcia indietro su indirizzi e cellulari

Gli utenti protestano e Fb torna sui suoi passi!

Pericolo scongiurato. La concessione offerta da Facebook agli sviluppatori per permettere alle loro applicazioni di accedere al nostro indirizzo e numero di telefono è stata temporaneamente revocata. Gli utenti non hanno gradito e l’hanno fatto sentire forte e chiaro.

“Il rischio di una tale concessione è l’aumento di applicazioni spam”

Concessione sospesa - Facebook aveva comunicato la notizia con molta nonchalance sul suo blog per sviluppatori venerdì scorso. Più che un post era una bomba a orologeria. Era subito chiaro che il “lasciapassare” a dati sensibili come il numero di telefono e l’indirizzo dell’utente che installa un’applicazione sul suo cellulare avrebbe scatenato le ire dei più attenti ai rischi per la privacy. E a nulla è servita la precisazione di Jeff Bowen, l’autore del post, che la “sbirciatina” non era estesa anche ai dati degli amici presenti nella rubrica telefonica. Douglas Purdy, autore del post-rettifica, comunica ieri sera che la concessione è sospesa in attesa di miglioramenti.

Pericolo spam - Molti sviluppatori hanno gradito la notizia di poter accedere al numero di telefono e all’indirizzo degli utenti, altri invece hanno mostrato qualche perplessità. Il timore maggiore è l’aumento di potenziali applicazioni spam e il furto di identità. C’è chi dice che Facebook, prima di concedere una tale libertà di movimento alle applicazioni, dovrebbe trovare un sistema serio per selezionare gli sviluppatori e mettere alla porta i truffatori. Altri, come già aveva fatto già notare Sophos sul blog Naked Security, bisognerebbe mettere in maggiore evidenza la pagina che spiega che l’utente sta permettendo alle applicazioni di accedere a dati così sensibili.

Crash test on-line. Guarda la gallery!

19 gennaio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us