Digital Life

I "Like" di Facebook protetti dalla Costituzione degli States

Cliccare sui "mi piace" di Facebook equivale a esprimere la propria libertà di parola come sancisce il Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti. Lo ha deciso una sentenza della corte federale d'Appello di Richmond (Virginia).

Tutto nasce dal licenziamento di un vice-sceriffo di Hampton (Virginia) - Daniel Ray Carter - che aveva espresso la sua preferenza su Facebook per Jim Adams - candidato rivale del suo capo.

B.J. Roberts, lo sceriffo in carica, non digerisce il suo Like, e quello di altri cinque dipendenti, e li licenzia in tronco.

# Leggi anche Facebook follie: la bebè chiamata Like

Daniel Ray Carter passa così alle vie legali, ma la Corte statale stabilisce che il "mi piace" di Facebook non è protetto dalla Costituzione, anzi, lo equipara a una vera e propria firma per sostenere una campagna elettorale. Il vice-sceriffo sconfitto in prima battuta, però, non si arrende.

Oggi, a distanza di quattro anni, la sentenza della corte d'Appello di Richmond, in Virginia, ribalta la situazione. Il giudice William B. Traxler Jr, ha deciso che sostenere un candidato politico con un "mi piace" sui social network è un diritto protetto dal primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, altrimenti detto " libertà di espressione".

La sentenza dei giudici non "piace" solo all'ex vice-sceriffo, ma anche a Facebook che ha espresso tutta la sua soddisfazione per il verdetto della corte federale.

# Leggi anche I "mi piace" di Facebook rivelano i nostri segreti

20 settembre 2013 Silvia Ponzio
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us