Digital Life

Facebook: il nuovo profilo dà più attenzione a chi siamo e meno a cosa vogliamo condividere

Nuovo Profilo!

Quasi tutti gli utenti di Facebook si saranno resi certamente conto dell’update della pagina di profilo, ormai. Dopo tutto quando uno dei nostri amici fa il “passaggio” esso viene segnalato sulla nostra timeline, un chiaro segno che Zuckerberg & co. vorrebbero vederci fare l’update in modo volontario, spinti dalla curiosità. Ovviamente non c’è grossa facoltà di scelta, ma l’idea di poter fare una preview e poi di scegliere indipendentemente se farlo subito è certamente intelligente, il frutto dello stress post-traumatico di un’azienda che in passato è stata sistematicamente sommersa dalle critiche degli utenti infastiditi dai cambiamenti repentini. Ovviamente, non è servito a nulla: le polemiche già piovono copiose.

Per quanto riguarda il nuovo update, si può dire che sia piuttosto profondo. Sulla pagina, rivoluzionata, le informazioni personali sono ora centrali ed in cima al vostro feed, in una specie di riassunto di chi siete, cosa fate, quali sono le vostre passioni e filosofie di vita. Sotto di esse è ora comparsa una fila di foto in cui siete stati recentemente taggati. Il pensiero, qui, è che siano le immagini a parlare per noi, in modo da dare un colpo d'occhio ai nuovi amici. Ad esempio io ho attivato il profilo nuovo e subito è comparsa una lunga sfilza di cretinate... Spero vi sia andata decisamente meglio! In ogni caso, se non vi va che vengano pubblicate in evidenza determinate immagini, è sufficiente cliccare sulla X in alto a destra quando passate con il mouse sulla foto. Non tutti gli amici, poi, vedono tutte le immagini: dipende dal setting della privacy. Seguendo la stessa filosofia ora anche gli interessi, la religione, la squadra preferita e i nostri “idoli” vengono mostrati come immagini, nelle apposite sezioni.

Vi è una maggiore prominenza per i rapporti sociali, ma allo stesso tempo vengono leggermente lasciati da parte i metodi di espressione personale. E’ possibile piazzare amici o gruppi di amici come “featured”, con tanto di top list se uno desidera (io onestamente lo vedo come un magnete per i litigi tra adolescenti). D’altro canto è meno facile arrivare al nostro sito o blog o mettere in rilievo i nostri eventi o video. Un’aggiunta interessante è quella di poter taggare gli amici e i colleghi che hanno lavorato con noi ad un determinato progetto, che sia scolastico o lavorativo, come corsi universitari oppure operazioni commerciali.

Ora i profili permettono di avere a colpo d’occhio una sintesi migliore di chi siamo, con un metodo più divertente per condividere informazioni personali. Ma non tutto è rose e fiori, è anche più difficile di prima tenere sotto controllo tutto quello che condividiamo di noi stessi, e Facebook ci pungola per farci inserire sempre più dati come se fosse sempre e comunque “per il nostro bene”.

Sono certo che non tutti siano d’accordo con l’implicito desiderio dell'immenso social network: diventare a tutti i costi il perno centrale della nostra vita sociale, scolastica e professionale.

11 dicembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us