Digital Life

Facebook capisce se ti ubriachi (e quanto)

Il segreto è un algoritmo sviluppato da due atenei americani.

Facebook dà, almeno almeno in parte, il suo contributo per ridurre il problema dell’alcolismo fra i giovani americani grazie a uno speciale algoritmo sviluppato da due atenei. È chiaramente un esperimento che però pare abbia funzionato molto bene.

“Il segreto è un algorimo che analizza gli status del profilo”

Alzato il gomito? - I ricercatori dell’Università del Wisconsin e dell’Università di Washington hanno creato uno speciale algoritmo che ha analizzato i profili pubblici di 300 studenti - di età compresa tra i 18 e i 21 anni - per rilevare riferimenti all’uso di bevande alcoliche. Gli studenti erano, chiaramente, tutti volontari altrimenti sarebbe stato impensabile violare la loro privacy su un argomento così delicato.

Update alticcio - Gli aggiornamenti su Facebook degli studenti sono stati divisi in tre categorie: gli update senza riferimento all’alcool, con riferimenti all’alcool ma non allo stato di ubriachezza e, dulcis in fundo, quelli che includevano parole come “sbronzarsi”, “distruggersi”, “sfasciarsi” e altre frasi riferite a stati di intossicazione estrema.

Che sballo! - I volontari sono poi stati invitati a compilare un test denominato AUDIT che aiuta a capire se il soggetto ha problemi con l’alcool. Il risultato? Nessuno di chi aveva uno status “sobrio”, o per lo meno “non troppo” è stato identificato come una persona che fa abuso di bevande alcoliche. Quelli con regolari e frequenti update “da festa selvaggia” invece tendevano a superare la soglia di allarme.

Bella iniziativa - Che gli universitari americani alzino spesso e volentieri il gomito è cosa nota. Il problema è che vanno poco a farsi visitare da un medico visto che, negli Stati Uniti, il sistema sanitario ha costi elevatissimi. Ben vengano, quindi, iniziative che coinvolgono un social network frequentatissimo come Facebook per informare sui danni e i pericoli legali all’alcool. (sp)

Su Jacktech.it trovi anche...

6 ottobre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us