Digital Life

Electronic Arts trascina Zynga in tribunale

The Ville copia carbone di The Sims Social.

di
Electronic Arts sostiene che il social-game The Ville, presentato lo scorso 26 Giugno da Zynga, è la copia-carbone del suo The Sims Social. Per questo si è rivolta alla giustizia per violazione del copyright. La casa di FarmiVille, non nuova a essere accusata di plagio, ritiene comica la richiesta della EA.

"Zynga non vuole innovazione nel mondo dei videogame: preferisce copiare le idee degli altri"
Copiare, copiare, copiare - Zynga, celebre software house specializzata nello sviluppo di giochi “sociali” finisce ancora una volta al centro delle attenzioni giudiziarie di altri sviluppatori. L'azienda, diventata famosa grazie a Farmville, come accade sempre più spesso, viene tirata in ballo per alcune strane “analogie” tra i suoi giochi e altri giochi già presenti sul mercato. Magari gli sviluppatori della casa statunitense prendono semplicemente “spunto”. Oppure, come sostengono in molti, si tratta di veri e propri plagi perpetrati ai danni di aziende più piccoli. Sia come sia, questa volta a portare un tribunale Zynga è un pesce grosso: Electronic Arts.

Non è la prima - Non si tratta certamente della prima azione legale che vede Zynga nello scomodo ruolo di accusato. Un caso da antologia giudiziaria, per esempio, potrebbe essere quello relativo a Bingo!, una sorta di tombolata social presentata lo scorso Gennaio. Una genialata, si potrebbe pensare. Unire il vecchio al nuovo e permettere anche alle generazioni più giovani di conoscere i giochi di un tempo. Peccato che, pochissime ore dopo il lancio, quelli di Buffalo Studio facciano notare come Bingo! ricordi vagamente - tanto per usare termini eufemistici - il loro Bingo blitz. Gli sviluppatori di Buffalo studio, in una sorta di foto-storia, affermano che gli sviluppatori Zynga devono aver giocato così tanto, e apprezzato così tanto, il loro Bingo al punto da credere che valesse la pena copiarlo.

La vertenza della EA - Sulla stessa lunghezza d’onda si pone la Electronic Arts. La celebre software house della serie The Sims, nel suo atto di citazione, mette seriamente in dubbio la creatività di molti giochi firmati Zynga. «Zynga non ha raggiunto il successo che ha nel social-gaming grazie alla creatività e all’innovazione dei suoi prodotti. Piuttosto, come è spesso riportato, ha sempre ostacolato l’innovazione, analizzando i giochi di maggior successo dei suoi competitor e copiandoli». E secondo la Electronic Arts Mafia Wars e FarmVille, costati a Zynga due citazioni in giudizio per plagio nel 2009 e nel 2011, sono due esempi lampanti di come questa metodologia di lavoro sia portata avanti ormai da diversi anni.

Copia carbone - The Ville, secondo EA, non sarebbe altro che una copia in carta carbone di The Sims Social. Stesse ambientazioni, personaggi molto simili con personalità quasi identiche, le sequenze di animazione e l’intero stile di gameplay. «The Ville, rilasciato lo scorso 26 giugno, è senza ombra di dubbio una copia del nostro The Sims Social, lanciato nel 2011. I due giochi sono quasi indistinguibili. The Ville non tenta di innovare il concetto del gioco, è uno sforzo intenzionale di copiare il lavoro creativo della EA».

La risposta di Zynga - I vertici di Zynga, anziché strapparsi i capelli, sembrano piuttosto divertiti dall’azione legale intentata dalla Electronic Arts. «Appare comico - afferma il General Counsel Reggie Davis - che EA ci chiami in causa poco dopo aver lanciato sul mercato The Sims Social, gioco che ricalca in pieno le caratteristiche della nostra CityVille. Inoltre, sembra che non abbiano esattamente chiari i concetti base del copyright». Zynga, comunque, si dice pronta a difendersi in sede legale con tutte le proprie forze dalle accuse riportate nell’azione legale della Electronic Arts. Accuse che potete leggere nel file riportato di sotto. (sp)

6 agosto 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us