Digital Life

Egitto: anche Internet è il campo di battaglia

Facebook e Twitter spargono le notizie.

Da qualche anno a questa parte, con la popolarizzazione globale di Internet abbiamo potuto assistere anche ad un’invasione della rete in veste di nuovo spazio di protesta. Un paese in crisi, in cui le manifestazioni si susseguono e diffondono come fuochi nella prateria, stimola uno sviluppo polarizzato dei social network. Improvvisamente fioriscono le pagine di Facebook, parole d’ordine si impongono su Twitter, nascono movimenti e chat per coordinare la rivolta.

Nel caso dell’Egitto si sono formati gruppi come Anonymous: Operation Egypt in cui i manifestanti, ritenendo a torto o a ragione di essere al sicuro dietro una cappa di anonimato, studiano il modo migliore per storpiare il governo a furia di DDoS. Purtroppo il DDoS non è una tattica pulita. Sicuramente l’idea di sferrarli ha preso piede, ma personalmente dubito che i numeri siano sufficienti a ottenere i risultati voluti e come se non bastasse quando si assediano infrastrutture governative spesso si finisce per rendere instabile l’intera rete, oscurando a lungo anche le comunicazioni dei manifestanti.

Altri siti dedicati alle proteste egiziane si occupano di spargere le notizie che il governo cerca di sopprimere. Anche qui l’arma è a doppio taglio: per un “reporter” sincero quanti ce ne sono che inventano, spargono panico o bugie? Sicuramente il mondo dei social network è un fattore nuovo nel dissenso popolare. Come sempre, si tratta solo di un mezzo, buono o cattivo come la mano che lo sfrutta.

28 gennaio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us