Digital Life

Ecco perché Google+ stenta a decollare

Steve Yegge di Google, ne spiega i motivi.

Steve Yegge è uno sviluppatore di Google. Ieri notte ha denunciato pubblicamente in un post proprio su Google Plus, e senza mezzi termini, i motivi per cui il social di Mountain View non funziona (e forse è destinato al fallimento…).

“Lo sviluppatore di Google avrà condiviso la sua critica per errore?”

“API” inattive - La sua critica a Google riguarda il fatto che, l’azienda per cui lavora, non ha pensato a Google Plus come a una piattaforma. Facebook è una piattaforma, ossia è dotata di API (Application Programming Interface) ben sfruttate - ossia le interfacce a uso e consumo dei programmatori - che fanno lavorare gli “altri” come, per esempio, la software house Zynga.

Nemico Facebook -Google+ è stata una reazione di riflesso, decisa sulla base del ragionamento che Facebook è un successo perché ha creato un gran prodotto”, continua Yegge criticando il direttivo di Google. È una strategia sbagliata perché lo scopo di un social network non è solo quello di collegare tra loro le persone ma creare un mercato che i “veri clienti”, come i produttori di software, beni e servizi, possano sfruttare per generare del profitto.

Basta tentennamenti- Google purtroppo crea prodotti, non piattaforme. L’azienda di Mountain View è stata capace di dettare regole nel settore della ricerca sul web, ma nessuno dei suoi dirigenti si rende conto che non è impossibile replicare lo stesso successo a livello social. Secondo Yegge “non è ancora tutto perduto”, ma ogni attimo di esitazione da parte di Google è pagato a caro prezzo. È possibile che Steve Yegge abbia pubblicato un post "pubblico" per errore? È più probabile, trattandosi di un dipendente di Google, che stia solo indorando la pillola: Google+ potrebbe aver già “perso il treno” verso il successo. (sp)

13 ottobre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us