Digital Life

Ecco perché Google+ stenta a decollare

Steve Yegge di Google, ne spiega i motivi.

Steve Yegge è uno sviluppatore di Google. Ieri notte ha denunciato pubblicamente in un post proprio su Google Plus, e senza mezzi termini, i motivi per cui il social di Mountain View non funziona (e forse è destinato al fallimento…).

“Lo sviluppatore di Google avrà condiviso la sua critica per errore?”

“API” inattive - La sua critica a Google riguarda il fatto che, l’azienda per cui lavora, non ha pensato a Google Plus come a una piattaforma. Facebook è una piattaforma, ossia è dotata di API (Application Programming Interface) ben sfruttate - ossia le interfacce a uso e consumo dei programmatori - che fanno lavorare gli “altri” come, per esempio, la software house Zynga.

Nemico Facebook -Google+ è stata una reazione di riflesso, decisa sulla base del ragionamento che Facebook è un successo perché ha creato un gran prodotto”, continua Yegge criticando il direttivo di Google. È una strategia sbagliata perché lo scopo di un social network non è solo quello di collegare tra loro le persone ma creare un mercato che i “veri clienti”, come i produttori di software, beni e servizi, possano sfruttare per generare del profitto.

Basta tentennamenti- Google purtroppo crea prodotti, non piattaforme. L’azienda di Mountain View è stata capace di dettare regole nel settore della ricerca sul web, ma nessuno dei suoi dirigenti si rende conto che non è impossibile replicare lo stesso successo a livello social. Secondo Yegge “non è ancora tutto perduto”, ma ogni attimo di esitazione da parte di Google è pagato a caro prezzo. È possibile che Steve Yegge abbia pubblicato un post "pubblico" per errore? È più probabile, trattandosi di un dipendente di Google, che stia solo indorando la pillola: Google+ potrebbe aver già “perso il treno” verso il successo. (sp)

13 ottobre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us