Digital Life

Disastro PlayStation: scuse ufficiali e rimborso

La dirigenza pensa di risarcire gli abbonati.

Dopo due settimane dall'attacco hacker subito dal network, i capi della Sony chiedono scusa al mondo. E pensano a un rimborso.

“Si parla di circa 10 milioni di numeri di carte a rischio clonazione”

Network violato - La prima intrusione nel sistema, da quanto affermano le ora certe notizie, è avvenuta nel centro dati di San Diego. Da allora Sony ha avuto serire difficoltà nel gestire l'intrusione degli hacker nel network dedicato alla Playstation, con tutti i risvolti che questa azione illegale ha comportato sia per il business del produttore giapponese che per gli utenti finali, che si contano in milioni di individui al mondo.

Scuse con inchino - Il Presidente di Sony e gli altri capi nipponici hanno organizzato una conferenza ufficiale a Tokyo, in cui hanno esperesso, in pure stile giapponese, il loro rammarico e le loro colpe per non aver saputo fronteggiare degnamente l'accaduto. Oltre ad essersi prostrati nelle scuse ufficiali, hanno annunciato un nuovo aggiornamento del software e la possibilità di una compensazione per gli utenti che hanno perso denaro per colpa dell'intrusione degli hacker.

Magra figura - Sony è infatti uscita danneggiata dalla vicenda, le maggiori critiche sono arrivate per aver tenuto nascoste le informazioni in suo possesso per un'intera settimana. Gli accusatori dicono che ha atteso il lancio del suo nuovo prodotto tablet, prima di comunicare l'accaduto e di chiedere aiuto direttamente all'FBI americana.

Conseguenze dell'attacco hacker - Nell'attacco ben 77 milioni di persone potrebbero essere state danneggiate. Si tratta degli utenti a cui gli hacker avrebbero carpito sicuramente nome e indirizzo e-mail, ma anche con molta probabilità i dati della carta di credito. Si parla di circa 10 milioni di numeri di carte a rischio clonazione, dopo l'intrusione nel network online nipponico. (gt)Niccolò Fantini

2 maggio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us