Digital Life

Deep learning: ecco come Internet sa sempre di più su di noi

I grandi della Rete sono sempre più interessati allo sviluppo dell'intelligenza artificiale: ecco che cosa stanno facendo, cosa è possibile provare già oggi sul proprio smartphone e come tenerlo sotto controllo. 

Facebook ha annunciato qualche giorno fa l’apertura a Parigi di un nuovo laboratorio dedicato alla ricerca sull’intelligenza artificiale. Con questo polo le strutture scientifiche dell’azienda di Menlo Park diventano 3 (saranno ben 6 entro la fine dell’anno). Obiettivo di Facebook è lo sviluppo del deep learning, un insieme di tecnologie informatiche che, utilizzando algoritmi e modelli statistici, cercano di replicare il comportamento del cervello umano.

Siamo ciò che postiamo. Strutturando i dati su diversi livelli di astrazione (per esempio forme, colori, dimensioni, accostamenti di parole) è possibile permettere al computer di analizzare e interpretare immagini, frasi o suoni e attribuire loro un significato.

Il valore di queste tecnologie per Facebook è immediatamente evidente se si pensa che ogni giorno sul social network vengono caricate 350 milioni di foto. Analizzare queste informazioni e capire, per esempio, che chi le ha postate è appassionato di cucina o di auto o, ancora, di sport, ha un valore enorme per il mercato pubblicitario.

Lo stesso per i post: l’analisi semantica delle parole che pubblichiamo su Facebook, status, commenti, risposte ai contenuti degli amici, può dire moltissimo di noi: chi siamo, cosa ci piace, come passiamo il tempo libero. E quindi a quali messaggi pubblicitari potremmo essere più sensibili. Ma non solo: «L’applicazione di queste tecnologie ci permetterà di eliminare contenuti spiacevoli per gli utenti come lo spam o i video violenti» ha spiegato ai media Yann LeCun, professore alla New York University specializzato in deep learning e responsabile del progetto.

Phone sempre più smart. Facebook non è l'unica azienda a investire risorse nel deep learning. Alcune interessanti applicazioni di intelligenza artificiale già disponibili e a portata di telefonino sono state presentate qualche giorno fa da Google all’ I/O 2015, la conferenza annuale dedicata agli sviluppatori e alle novità di BigG.

Tra queste la nuova app Photos, dove è possibile cercare tra le proprie fotografie utilizzando una buca di ricerca in perfetto stile Google: basta digitare “barbeque“ o “gita a Venezia” per ritrovare in un’istante la foto dell’ultima grigliata con i parenti o quella scattata anni fa tra i piccioni di piazza San Marco.

Ma c’è di più: in M, la nuova versione di Android attesa per i prossimi mesi, è stata inserita la funzione “now on tap”. Google è cioè in grado di capire cosa stiamo facendo in quel momento e fornirci, al tocco di un tasto sullo schermo, le informazioni più rilevanti in quel momento. Se per esempio stiamo ascoltando una canzone dei Pink Floyd e vogliamo sapere in che anno è stata scritta, possiamo semplicemente lanciare “now on tap” e chiedere “In che anno è stata scritta?”. Il sistema capirà che ci stiamo riferendo alla canzone in playback e ci fornirà le informazioni del caso.

La segretaria in tasca. E diventa intelligente anche Inbox, l'ultima app di Google per la gestione della posta: è in grado di capire se qualcuno, in un messaggio, ci chiede qualcosa o ci invita da qualche parte e ce lo ricorda al momento più opportuno.

Privacy a rischio? Interessante, ma forse anche un po’ inquietante. Per questo motivo è importante avere sempre sotto controllo le informazioni che condividiamo con i servizi Internet e le impostazioni di privacy relative.

Ecco perchè Google ha rilasciato My Account (https://myaccount.google.com), una pagina dalla quale poter controllare in modo puntuale e dettagliato quali e quante informazioni BigG ha su di noi e che utilizzo ne fa.

Analogamente, dalle impostazioni della privacy di Facebook è possibile verificare con precisione quali contenuti (foto, post, ecc) condividiamo e con chi.

6 giugno 2015 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us