Dating online: mente l'81% degli iscritti

Una ricercatrice ha confrontato i dati nei profili online con le misure reali. E ha scoperto che quasi tutti barano.

con_h_25.t465-0231
|SPL/Contrasto

Quanto si mente sulle app di dating? La ricercatrice Catalina Toma dell’Università del Wisconsin l’ha accertato in modo scientifico: ha reclutato 80 iscritti a siti di dating (Match, Yahoo, American singles e Webdate) e ha misurato dal vivo le loro caratteristiche fisiche, confrontandole con le informazioni inserite nei loro profili.

 

RISULTATO: l’81% bluffava su almeno uno dei fattori (altezza, peso o età). Si mente sugli aspetti più difficili da smascherare dal vivo: meno sull’età (non si può negare di ignorarla) e molto sul peso (scarto del 5,6% rispetto alla realtà). Sotto la foto, i dettagli.

Abbiamo provato le principali app e i siti di dating online e vi raccontiamo quelle che funzionano meglio, come funzionano gli algoritmi per abbinare le persone e le 10 regole scientifiche per avere successo. Trovi tutto su Focus 285, in edicola fino al 19 luglio 2016 (scopri l'anteprima). Focus è anche su iOS, Android, Amazon, Zinio (web). E per non perderti nessun numero abbonati qui.

Peso: era sbagliato in 2/3 dei profili. Lo scarto medio rispetto alla realtà era di 2,5 kg: mentono di più le donne (circa 4 kg in media) che gli uomini (massimo un kg in meno).
 

Età: in media ci sono 5 mesi di scarto rispetto alla realtà (da 3 anni più giovani a 9 anni più vecchi rispetto a quanto dichiarato). Non ci sono differenze fra uomini e donne.


Altezza: lo scarto medio rispetto alla realtà è di 0,8 cm (da 7,6 cm più alto a 4,44 più basso); mentono più gli uomini, che tendono ad “alzarsi” in media di 1 cm.
 

Foto: gran parte non erano recenti. Le foto delle donne erano vecchie in media di un anno e mezzo (quelle degli uomini risalivano a 6 mesi prima).

Un altro studio ha invece portato a isolare specifici elementi che tradiscono l’inganno. Ecco quali:

  • Terza persona singolare. Quasi sempre i bugiardi evitano di utilizzare la prima persona per “allontanarsi” dalla propria stessa menzogna.

  • Aggettivi “non” negativi. È frequente leggere espressioni come “non triste” piuttosto che “felice” oppure “non noioso” piuttosto che “coinvolgente”.

  • Descrizioni brevi. I bugiardi sembrano avere la tendenza a inserire nei propri profili descrizioni striminzite in modo tale da evitare di doversi ricordare troppe falsità.

  • Profilo inventato. I menzogneri cercano sempre di deviare il discorso sul loro aspetto fisico o sulla foto del proprio profilo per portarlo su argomentazioni quali lavoro, hobby e passioni.

20 Giugno 2016

Codice Sconto