Digital Life

Perché la crisi dei microchip fa tremare il mondo

I microchip sono il cervello di smartphone, computer e di tutti i cosiddetti oggetti intelligenti, auto comprese. E non se ne producono abbastanza.

Il mondo è a corto di microchip, e i primi a pagarne le conseguenze sono le case automobilistiche, che in molti casi hanno dovuto rivedere i loro programmi di produzione per la carenza di componenti: ne parliamo su Focus 349 (novembre 2021). Ma che cos'è un microchip? Quanti tipi ne esistono? E come sono composte al loro interno queste meraviglie della tecnologia, costituite da milioni o miliardi di componenti in uno spazio più piccolo di una moneta da 1 centesimo?

L'intelligenza delle cose. I microchip sono il cervello della società dell'informazione. E sono ovunque: nei computer e negli smartphone, ma anche nei frigoriferi, nei forni, negli impianti di domotica, ce ne sono a centinaia - e in futuro saranno molti di più - anche nelle auto. Sono costituiti da un labirinto di circuiti elettronici scavati in un substrato di silicio con tecniche avanzatissime, che permettono di concentrare in uno spazio molto ridotto strutture che in passato avrebbero occupato stanze intere, o anche di più. L'elemento di base di un chip è il transistor, che a sua volta è costituito da una serie di circuiti: i transistor permettono di elaborare le unità di base dell'informatica - gli "0" e "1" del sistema binario - alla base di ogni testo, foto, audio e video ai quali siamo abituati (a proposito: sapevate che il paracadute del rover marziano Perseverance celava un misterioso messaggio in scritto in codice binario?). Noi vediamo il risultato, e ci dimentichiamo di tutta la tecnologia che c'è dietro.

Per approfondire:
Per approfondire: Microchip, megacrisi, un articolo di Andrea Parlangeli su Focus 349 (novembre 2021). © Focus

Unità di calcolo. Di chip ne esistono di molti tipi, a seconda dell'uso che se ne vuole fare. Innanzi tutto ci sono i microprocessori, al cuore di tutti i computer: «Un microprocessore è un'unità di calcolo», spiega Salvatore Levantino, docente di ingegneria elettronica al Politecnico di Milano. «La differenza rispetto ad altre unità è che funziona mediante un set di istruzioni, il "software" (mentre il chip stesso costituisce l'hardware, ndr). È costituito da una sua memoria interna e da una unità logico-matematica che effettua determinate operazioni. C'è anche un blocco che serve a interpretare le nostre istruzioni.»

Telecomunicazioni. Il microprocessore è un caso specifico; ma di microchip ne esistono anche di tanti altri tipi. «Negli smartphone, per esempio, c'è un microprocessore che fa funzionare il sistema operativo alla base di tutto il software», continua Levantino. «Ma c'è anche un altro chip che permette di effettuare le radiocomunicazioni, affinché lo smartphone possa funzionare nella rete cellulare, collegarsi a una rete wi-fi, collegarsi tramite bluetooth agli auricolari wireless e così via.

Questi microchip hanno architetture tipiche dei ricetrasmettitori a radiofrequenza, completamente diverse da quelle di un microprocessore.»

In auto, nel forno, nelle telecamere. Ci sono poi le memorie, come quelle che si trovano nelle chiavette Usb. E i microcontrollori: «Hanno capacità di calcolo ed elaborazione, ma permettono anche di controllare alcune periferiche come un touch screen, un collegamento a internet e molto altro (strutture che sarebbero esterne in un microprocessore classico). Si trovano ovunque, negli elettrodomestici, nei programmi di cottura dei forni, nelle auto, nelle centraline di controllo che acquisiscono dati dall'ambiente», afferma l'esperto.

Intelligenza artificiale. Lo sviluppo di nuove tecnologie come l'intelligenza artificiale, poi, stimola quello di nuovi chip sempre più specializzati. «Consideriamo il riconoscimento delle immagini, che era impensabile fino a qualche anno fa», conclude Levantino: «oggi è possibile grazie a circuiti di struttura completamente diversa, basati sulle cosiddette "reti neurali". Sono sempre microprocessori, ma con architetture dedicate».

21 ottobre 2021 Andrea Parlangeli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us