Focus

Coronavirus COVID-19: cosa c'è da sapere Vai allo speciale

Covid-19: negli USA si celebrano matrimoni in video-conferenza

Il governatore dello Stato di New York autorizza la celebrazione di matrimoni in video-conferenza: non è questione di... romanticismo, ma di tutela dei diritti dei cittadini.

Matrimoni in video-conferenza
In alcuni stati USA ci si può sposare online: in tempi di isolamento per il Covid-19, questo è utile a chi deve ottenere la cittadinanza e l'assicurazione medica (indispensabile ora quanto mai). | Shutterstock

Il coronavirus e quarantena non fermano l'amore e i numerosi "matrimoni in video-conferenza" che si celebrano soprattutto negli Usa ne sono una testimonianza. E in qualache caso non è solo una questione d'amore: per esempio, a New York il governatore dello Stato Andrew Cuomo ha recentemente firmato un'ordinanza con la quale conferisce validità legale a questi matrimoni celebrati in video-conferenza.

 

Tempi duri quindi per tutti i nubendi newyorkesi poco convinti, che stavano cercando una scusa per rimandare a data da destinarsi il giorno più bello della loro vita!

 

Tecniche di matrimonio. Affinché abbiano valore legale, queste cerimonie celebrate in video devono comunque sottostare a precise regole: il sistema di videoconferenza deve permettere l'interazione in tempo reale tra i promessi sposi, il celebrante e i testimoni. E il tutto deve avvenire in diretta. No, quindi, a video pre-registrati o scambio di promesse con l'ausilio di avatar e animazioni varie.

 

La scelta di Cuomo è stata seguita a breve anche da altri governatori, tra cui quelli del Colorado e dell'Ohio. E probabilmente non è stata dettata da un eccesso di romanticismo dei politici, ma da una precisa esigenza: negli Stati Uniti il matrimonio è un atto fondamentale per il riconoscimento di alcuni diritti, primo tra tutti quello di immigrazione, a sua volta indispensabile per ottenere la cittadinanza e l'assicurazione medica. Forse la decisione va incontro soprattutto a chi ha questo tipo di esigenza.

 

26 aprile 2020 | Rebecca Mantovani