Digital Life

Come ti cracco la Google Car

Un ricercatore irlandese scopre una pericolosa vulnerabilità nel sensore principale delle auto senza conducente: bastano un Arduino e un laser facilmente reperibile online per mettere KO gli occhi elettronici della vettura. 

Le automobili stanno diventando più intelligenti e - sorpresa! - più vulnerabili. Dopo l’attacco informatico che qualche settimana fa ha messo in ginocchio un SUV americano, a finire nel mirino degli esperti di sicurezza elettronica sono ora la Google Car e altre auto senza conducente.


Jonathan Petit, ricercatore presso Security Innovation è infatti riuscito, utilizzando componenti elettroniche facilmente reperibili sul mercato, a sabotare da remoto il principale sensore di una vettura senza autista. Vediamo come.

Un dito (elettronico) nell'occhio. Petit, utilizzando un laser a bassa energia e un generatore di impulsi realizzato con una scheda Arduino, è riuscito ad accecare il Lidar (light detection and ranging), il sistema che tramite segnali laser permette al computer di bordo della vettura driverless di ricostruire un’immagine 3D dell’ambiente circostante. Si tratta, di fatto, dell’occhio dell’auto ed è una tecnologia utilizzata anche sulla Google Car.


L’arma elettronica di Petit ha un raggio d’azione di circa 100 metri: una volta che ha colpito l'auto fa credere al computer che la guida di vedere oggetti che in realtà non esistono. La macchina rallenta, sbanda e si muove come se ci fosse un ubriaco alla guida.

Cervellone in panico. Scondo Petit, che presenterà il suo studio alla prossima Black Hat Europe - una delle più importanti conferenze dedicate al tema della sicurezza digitale - le aziende che producono i Lidar non hanno mai considerato la possibilità di un attacco di questo tipo. E questa vulnerabilità sembra anche in grado di paralizzare il cervello della vettura inviandole in brevissimo tempo migliaia di segnali diversi.

La strada verso l’auto senza conducente è insomma ancora lunga, e prosegue anche grazie al lavoro di esperti come Petit.

14 settembre 2015 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 31,90€
Follow us