Digital Life

Come muore un social network

Da Friendster a MySpace, fino a Digg: cosa ci spinge ad abbandonare un social network, decretandone il declino? La risposta di un gruppo di ricercatori svizzeri.

I casi più noti sono quelli di Friendster e Myspace. Pur essendo nati entrambi prima di Facebook, hanno perso terreno nei suoi confronti fino quasi a sparire dall'ecosistema dei social network (salvo poi tornare, in altre forme, ma mai coi numeri di prima, ndr). E anche Digg, l'aggregatore social di notizie, ha subito una tale emorragia di utenti da passare per il fallimento e un tentativo di rilancio. Che cosa gli è successo? Perché abbiamo smesso di usarli?

Leggi anche: i 10 social network che sono falliti

Alcuni ricercatori del'Istituto Federale Svizzero di Tecnologia di Zurigo, coordinati da David Garcia, hanno provato a scoprirlo, rileggendo la storia di Friendster dal principio alla fine (in realtà il sito esiste ancora ma si è trasformato in un portale di giochi online attivo soprattutto nel sud est asiatico, ndr). E ne hanno ricavato un'ipotesi buona per spiegare il declino di qualsiasi social network. In pratica, secondo loro, quando i costi, il tempo e lo sforzo, associati con l'essere un membro di una rete sociale superano i benefici, si realizzano le condizioni per l'abbandono di molti iscritti. Nel caso di Friendster e in quello di Digg sono state alcune modifiche di progettazione e dei problemi tecnici che hanno infastidito gli utenti ad aver alterato il rapporto costi/benefici. Ma a pregiudicarne la sorte è stato proprio Facebook: l'avvento di un concorrente ben strutturato può infatti accelerare il processo di disgregazione di una rete.

Leggi anche: MySpace risorge. Ma che fine hanno fatto i primi grandi social network?

L'unico antidoto a che questo non avvenga sono... gli amici. Secondo Garcia, meno ne abbiamo più sarà facile notare la loro assenza se decidono di abbandonare un social network, e seguirli. Il che forse spiega perché Facebook continui a suggerirci persone che potremmo conoscere. E soprattutto perché non ci avverta quando un amico cancella la sua iscrizione. Ma per i ricercatori è tutt'altro che improbabile che Facebook stesso un giorno possa essere vittima di circostanze avverse, proprio come è accaduto ai suoi rivali.

Leggi anche: Facebook oscurato per 40 minuti: Anonymous colpisce ancora?

12 marzo 2013 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us