Digital Life

Codemasters non crede nel Kinect

Agitare le braccia di fronte allo schermo non mi convince

Codemasters, per bocca del chief designer di DiRT 3, ha fatto sapere di nutrire ancora qualche dubbio su Kinect, restando della ferma intenzione di continuare a puntare sui controller tradizionali. Almeno per quanto riguarda le simulazioni automobilistiche, ovviamente.

“"Agitare le braccia di fronte allo schermo non mi convince"”

Coleman si è detto infatti dubbioso sulla possibilità che il Kinect possa rappresentare una valida risorsa nel campo delle simulazioni automobilistiche.

"Non mi convince neanche l'head tracking (la rilevazione dei movimenti della testa, ndR) perché per guardare in altre direzioni si è inevitabilmente costretti a staccare gli occhi dallo schermo, rendendo vana l'utilità del sistema".

"La chiave per risolvere tale problema sarebbe quella di munirsi di più schermi, ma ad oggi non è un qualcosa di attuabile".

Come molti di voi già sapranno i ragazzi di Turn 10 sembrano pensarla diversamente su questo argomento (tant'è che Forza 4 è già stato mostrato in coppia col Kinect) e in merito a questo Coleman ha così commentato: "Non mi sorprenderebbe se gran parte del supporto per Kinect fosse basato sull'editor e sull'esplorazione delle auto".

"L'idea di agitare le braccia di fronte allo schermo per guidare, senza però avere nulla fra le mani, non mi convince".

"Se dovessimo mai orientarci sul Kinect, non sarà certo per un racing". Scompaiono dunque le possibilità che Codemasters potesse decidere di implementare le funzionalità della periferica Microsoft dopo il lancio di DiRT 3.

13 febbraio 2011 Stefano Silvestri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us