Digital Life

Chi scrive a chi

Secondo una ricerca, lo scambio di email tra gli abitanti di paesi diversi non dipende solo dai loro rapporti commerciali e politici, ma dalle similitudini culturali.

Quanto più due nazioni hanno rapporti, tanto più i loro abitanti si scriveranno email, ma… non sempre. E' la conclusione a cui è giunto un team di studiosi dopo aver analizzato milioni di email di Yahoo. La ricerca, promossa dalle Università di Stanford e Cornell, da Yahoo e dal Qatar Computational Research Institute, ha evidenziato come paesi che hanno la stessa lingua, confini in comune, consuetudini commerciali e un maggior numero di collegamenti aerei tendono a mandarsi più email. Con le dovute eccezioni.

E-mail, le usate ancora? I giovanissimi sembrano preferire le comunicazioni via social network

Ad avvicinare due nazioni sono soprattutto le similitudini culturali: i ricercatori lo hanno capito leggendo i flussi di email, alla luce degli studi del sociologo olandese Geert Hofstede, secondo cui i paesi vanno confrontati in base al rapporto tra abitanti e potere, al tasso di individualismo e collettivismo, al modo in cui gestiscono eventi inattesi, all'equilibrio tra valori maschili e valori femminili, alla tendenza ad avere obiettivi a lungo o a breve termine e alla rigidità delle norme sociali. I rapporti economici e politici insomma non basterebbero a spiegare le relazioni internazionali.

La scoperta è che i paesi europei si scrivono meno di quanto ci si aspetterebbe, nonostante tra loro intercorrano molte relazioni commerciali e politiche. Al contrario quelli del Sudamerica hanno rapporti via email soprattutto tra loro, quasi a isolarsi dal resto del mondo. Ed entrano in contatto più volentieri tra loro i paesi dove i valori "maschili" predominano su quelli "femminili". E l'Italia? Dalla ricerca è emerso che la maggior parte dei nostri rapporti via email li abbiamo co Belgio, Stati Uniti, Svizzera, Croazia e Slovenia (vedi foto). L'avreste mai detto?

Leggi anche: l'e-mail fa 41.

18 marzo 2013 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us