Digital Life

Chi scrive a chi

Secondo una ricerca, lo scambio di email tra gli abitanti di paesi diversi non dipende solo dai loro rapporti commerciali e politici, ma dalle similitudini culturali.

Quanto più due nazioni hanno rapporti, tanto più i loro abitanti si scriveranno email, ma… non sempre. E' la conclusione a cui è giunto un team di studiosi dopo aver analizzato milioni di email di Yahoo. La ricerca, promossa dalle Università di Stanford e Cornell, da Yahoo e dal Qatar Computational Research Institute, ha evidenziato come paesi che hanno la stessa lingua, confini in comune, consuetudini commerciali e un maggior numero di collegamenti aerei tendono a mandarsi più email. Con le dovute eccezioni.

E-mail, le usate ancora? I giovanissimi sembrano preferire le comunicazioni via social network

Ad avvicinare due nazioni sono soprattutto le similitudini culturali: i ricercatori lo hanno capito leggendo i flussi di email, alla luce degli studi del sociologo olandese Geert Hofstede, secondo cui i paesi vanno confrontati in base al rapporto tra abitanti e potere, al tasso di individualismo e collettivismo, al modo in cui gestiscono eventi inattesi, all'equilibrio tra valori maschili e valori femminili, alla tendenza ad avere obiettivi a lungo o a breve termine e alla rigidità delle norme sociali. I rapporti economici e politici insomma non basterebbero a spiegare le relazioni internazionali.

La scoperta è che i paesi europei si scrivono meno di quanto ci si aspetterebbe, nonostante tra loro intercorrano molte relazioni commerciali e politiche. Al contrario quelli del Sudamerica hanno rapporti via email soprattutto tra loro, quasi a isolarsi dal resto del mondo. Ed entrano in contatto più volentieri tra loro i paesi dove i valori "maschili" predominano su quelli "femminili". E l'Italia? Dalla ricerca è emerso che la maggior parte dei nostri rapporti via email li abbiamo co Belgio, Stati Uniti, Svizzera, Croazia e Slovenia (vedi foto). L'avreste mai detto?

Leggi anche: l'e-mail fa 41.

18 marzo 2013 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us