Digital Life

Chavez si converte a Twitter

Dopo la censura, il presidente sceglie Twitter.

La notizia è interessante e particolare: il Presidente del Venezuela, Hugo Chavez, si appresta a sbarcare su Twitter. E ha un obiettivo: raccogliere milioni di followers sudamericani.

“Il leader venezuelano governa con propaganda e censura, ma sceglie Twitter per parlare al popolo.”

Da che pulpito – L’annuncio, fatto dal Ministro Diosdado Cabello al giornale Bloomberg, proclama che il leader dalla camicia rossa utilizzerà Twitter per comunicare le sue idee ai suoi sostenitori, così da poter parlare direttamente con milioni di elettori. La notizia è alquanto singolare, infatti, i contestatori del Presidente affermano che il governo venezuelano ha tentato di bloccare il mese scorso network sociali come Facebook e Twitter. Ma ecco l'antefatto: un sito di news locali è stato indagato per aver pubblicato la (falsa) notizia che il Ministro Cabello, responsabile delle telecomunicazioni e dei lavori pubblici, fosse morto. Da qui è iniziato l'accanimento politico del governo venezuelano contro il web.

Presidente comunicatore – Poi il governo ci ha ripensato, d’altra parte il presidente socialista è un esperto dei mezzi di comunicazione di massa, non solo come utente: cura infatti una rubrica su un quotidiano, ha una sua radio privata ed ha una passione per la propaganda in ogni sua forma, anche con adunate scenografiche di piazza, come avvenuto durante la rielezione del 2006.

Club dei presidenti - Ma la lotta politica su Twitter sarà dura, dato che Chavez verrà annoverato nel club dei Presidenti e i loro tweet, con concorrenti del calibro di: Barack Obama (3.8 milioni), Benjamin Netanyahu (3.500) o il più vicino Sebastian Pinera , presidente del Cile con 88.978 followers.

Meglio di Chavez: le sexy girls su Twitter. La gallery.

27 aprile 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us