Digital Life

Call of Duty crollerà come Guitar Hero?

Rispondono gli analisti di mercato.

Nel corso di un articolo pubblicato da IndustryGamers, diversi analisti si sono interrogati in merito al futuro della serie Call of Duty. Che la serie di Activision sia destinata a crollare come il business di Guitar Hero?

“Difficile che accada, secondo gli analisti”

Non per Michael Pachter di Wedbush Morgan, secondo il quale le due situazioni non sono paragonabili. "Guitar Hero è una licenza che la gente acquista una volta, perché le periferiche sono eccellenti. Una volta saturato il bacino d'utenza, i nuovi utenti arrivano solo per mezzo dei nuovi acquirenti di console".

"Call of Duty, invece, ha una community online vibrante, che permette alla serie di crescere. Quando viene pubblicata una nuova versione, l'effetto network spinge molti giocatori ad acquistare il gioco perché così hanno fatto i loro amici. L'unico rischio per la serie può arrivare dai rivali ma non da un calo di interesse".

"La moda di Call of Duty non passerà, a meno che Activision non apra la porta ai suoi rivali lanciando un gioco non all'altezza", conclude Pachter.

Sulla stessa linea anche il parere di Colin Sebastian di Capital Markets: "I giochi musicali sono una moda, come i giochi di fitness e quelli di danza. Ma dopo anni di crescita del franchise, non metterei Call of Duty nella stessa categoria. Se Activision continua a mantenere standard qualitativi elevati, a proporre nuove storie e a lavorare sul multiplayer online, non vedo perché COD dovrebbe crollare".

Meno ottimista invece Mike Hickey di Janco Partners: "Tutte le esperienze nell'ambito dell'entertainment hanno un ciclo. Chi brucia le tappe più rapidamente può estinguersi più in fretta".

Per Billy Pidgeon di M2 Research, sfruttare i franchise è una strategia profittevole nel breve periodo ma estremamente rischiosa a lungo andare. L'alternativa a questo modello di business? "Estendere il ciclo di vita di una licenza distanziando la pubblicazione dei sequel".

16 febbraio 2011 Stefano Silvestri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us