Digital Life

Bloccate Internet! Megamulta a Mubarak

Megamulta all'ex presidente e soci per il blackout durante le rivolte

Vi ricordate le sommosse in Egitto all’inizio dell’anno? E il “blackout” di rete e cellulari in tutto il Paese? L’ex presidente Mubarak è stato condannato da un tribunale egiziano a pagare una multa milionaria per aver “staccato” la spina del Web per evitare ai rivoltosi di comunicare e organizzarsi.

“La multa totale per i responsabili del blackout di gennaio in Egitto ammonta a circa 62 milioni di euro”

Blackout governativo - Le proteste in Egitto contro il regime di Muhammad Hosni Mubarak, in carica da 30 anni, sono scoppiate il 25 gennaio quando alcuni manifestanti hanno iniziato a scendere nelle strade de Il Cairo e altre città per far sentire il proprio dissenso. E, in quell’occasione, social network come Facebook e Twitter si sono rivelati fondamentali per coordinare l'azione e organizzare la rivolta. Troppo fondamentali visto che le autorità, proprie per evitare che la rivolta si estendesse a macchia l’olio in tutto il Paese hanno deciso di bloccare le comunicazioni via Web e via cellulare.

Resa dei conti - Alcuni attivisti erano comunque riusciti ad aggirare il blocco, ma resta il fatto che un tribunale egiziano ha appena servito il conto a Mubarak e soci per quell’azione che, oltre a impedire le comunicazioni tra i rivoltosi, ha anche provocato dei seri danno all’economia egiziana. Nello specifico, le autorità egiziane avevano impedito, all’inizio delle proteste, prima l’accesso a Twitter (25 gennaio), poi a Facebook (26 gennaio) per arrivare al blocco totale dei collegamenti al Web fino al 28 gennaio.

Resa dei conti - La multa stabilita dal tribunale egiziano è complessivamente di 540 milioni di sterline egiziane, pari a circa 62 milioni di euro. Mubarak dovrà pagare 200 milioni di lire egiziane, pari a 20 milioni di euro, l’ex ministro dell’Interno El Adly - inquisito insieme a Mubarak anche per aver ordinato di sparare sui manifestanti all’inizio della rivolta, è stato condannato a una multa di 300 milioni di lire egiziane (circa 40 milioni di euro), mentre all’ex primo ministro Nazif sono toccati 40 milioni di lire egiziane, pari a circa 5 milioni di euro. (sp)

Silvia Ponzio

4 giugno 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us