Digital Life

Il visore di realtà virtuale di Apple non è ancora in commercio ma fa già discutere

Dopo anni di annunci Apple ha presentato, stavolta davvero, il suo visore di realtà virtuale. Dovrebbe sbaragliare la concorrenza (però il prezzo non è esattamente da saldo!).

Durante l'ultima WWDC (WorldWide Developers Conference) 2023 Apple ha annunciato con un colpo a effetto il suo primo visore di realtà AR/VR (realtà aumentata e realtà virtuale), chiamato Vision Pro, e non Reality Pro come i rumors avevano fatto intendere. Un altro errore commesso dalle anticipazioni degli addetti ai lavori è stato il nome del sistema operativo, che si chiama VisionOS e non xrOS, ma al di là di questi dettagli, molte indiscrezioni tecniche che erano trapelate in Rete sono state confermate dalla presentazione di questo "gioiellino", che possiamo chiamare così non a caso, visto il prezzo...

Una bella cifretta! Eh sì, perché l'Apple Vision Pro costerà ben 3.499 dollari (3.270 euro al cambio attuale): una cifra che ha fatto strabuzzare gli occhi a molti, addetti ai lavori e non, e sta facendo parecchio discutere. In effetti il mercato finora aveva proposto visori di realtà virtuale di fascia medio-bassa, a prezzi compresi tra i 200 e i 450 euro, e modelli di fascia alta che raggiungono i 1.500-1.700 euro.

Il visore della Apple viene descritto come un dispositivo superiore a qualsiasi altro visore AR o VR attualmente disponibile: è sottile, leggero e, secondo le impressioni di chi l'ha testato, offrirebbe un'esperienza visiva e immersiva straordinaria. Tuttavia, c'è chi osserva come presenti ancora dei difetti di base: stando a quanto riportato su The Verge, infatti, durante la dimostrazione sono apparse delle bande verdi e viola attorno ai bordi delle lenti, ma non è chiaro se queste fossero dovute a un rapida (e dunque inaccurata) preparazione dell'apparecchio oppure (anche) alla sua natura "dimostrativa".

Schermo trasparente. L'aspetto che più è stato apprezzato è stato il passthrough video, ossia la possibilità di vedere l'ambiente circostante senza dover rimuovere il visore, col display che diventa quasi magicamente trasparente, che dà al dispositivo la possibilità di funzionare anche in modalità "realtà aumentata". I tempi di latenza – cioè il ritardo tra le operazioni che vengono eseguite e la loro visualizzazione sullo schermo – sembrerebbero ridottissimi.

Grazie a sensori che tracciano i movimenti delle braccia di chi indossa il visore, è possibile usare le mani come un puntatore, per "toccare" icone, spostarle, aprire programmi come Safari, Foto, Freeform e Face Time: basta "indicarli" e selezionarli toccando pollice e indice. Più che un "semplice" visore, dunque, Apple Visual Pro è un minicomputer, una sorta di smartphone che si indossa davanti agli occhi.

I programmi hanno un'interfaccia diversa rispetto a come appaiono su iPhone & c. Su FaceTime, per esempio, compare una figura 3D generata dall'intelligenza artificiale attraverso la scansione del volto, sebbene proprio questo aspetto appaia ancora perfezionabile. 

Il tracciamento oculare è stato valutato come apprezzabile da chi l'ha provato: il visore è cioè in grado di adattare l'esperienza virtuale in base alla posizione e alla focalizzazione degli occhi dell'utente.

In arrivo dal 2024. Nonostante queste impressionanti esperienze visive e interattive, resta – si diceva – ancora il tema del prezzo, non esattamente alla portata di tutte le tasche. È vero che Vision Pro rappresenta un notevole passo avanti nel campo della realtà mista, ma è tutto da vedere se e come riuscirà a integrarsi nella vita quotidiana delle persone e come evolverà nel tempo, ossia se si rivelerà un oggetto "comune" come gli attuali smartphone o se resterà relegato al ruolo giocattolo costoso pensato per chi potrà permetterselo. Una cosa è certa: prima di vederne qualcuno in giro dal vivo occorrerà pazientare, perché il visore Apple dovrebbe essere in commercio a partire da inizio 2024 e inizialmente solo sul mercato americano. C'è il tempo dunque per cominciare a mettere da parte il denaro necessario!

13 giugno 2023 Simone Valtieri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us