Digital Life

Apple nega di aver fornito dati profili iOS a FBI

Cupertino si prepara ad abbandonare il sistema UDID

di
Dopo la smentita dell'FBI, ora arriva anche quella di Cupertino: Apple non ha mai fornito ai federali i presunti profili dei possessori di iPhone e iPad rubati e poi pubblicati da Anonymous. E allora da dove vengono?

"Il sistema di identificazione UDID verrà sostituito con quello CFUUID"

Piovuti dal cielo -

lo scandalo del laptop degli 007 hackerato

la smentita dell'FBI

Cosa dice Apple - Ecco cosa afferma Apple su questa scottante vicenda: «L'FBI non ha chiesto queste informazioni ad Apple, né noi le abbiamo fornite all'FBI o ad altre organizzazioni. Inoltre, con iOS6 abbiamo inserito un nuovo set di API che sostituirà l'uso di UDID e presto ne vieterà l'uso». UDID sta per Unique Device Identifier ed è un codice esadecimale di 40 caratteri utilizzato dagli sviluppatori per registrare i propri device Apple al fine di testare le applicazioni che realizzano prima che siano messe in commercio sull'App Store. In pratica, è come se fosse una carta di identità del dispositivo.

Meglio il CFUUID? - Apple ha comunque deciso di tagliare la testa al toro annunciando che l'UDID verrà definitivamente abbandonato in favore di un sistema diverso: il CFUUID. Che sta per Core Foundation Universally Unique Identifiers, conosciuto anche come GUID (Globally Unique Identifier) o IID (Interface Identifiers). Dietro tutte queste sigle si nasconde una stringa da 128 bit unica per ogni dispositivo. In molti affermano che sia un passo avanti nella sicurezza rispetto all'UDID, ma altri fanno notare che decodificando il CFUUID si riesce ad accedere anche ai dati sulla connessione dell'utente. A quanto pare, quindi, la sicurezza totale dei dispositivi Apple è ancora da venire. (sp)

Trucchi - Password dimenticate? Recuperale così!

7 settembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us