Digital Life

Un bicchiere di troppo? Ecco la app che ti evita figuracce

Un'azienda cinese ha sviluppato un sistema che consente allo smartphone di accorgersi se il proprietario ha alzato il gomito e di evitargli brutte figure. Sarà efficace?

Che lo smartphone ci stia cambiando la vita lo sappiamo bene, e che ormai sentiamo il bisogno di averlo in mano come se fosse parte del nostro corpo lo hanno confermato numerosi studi. Uno degli effetti collaterali è il rischio di usarlo anche in situazioni che possano mettere a rischio la nostra reputazione, per esempio, se dopo aver bevuto un bicchiere di troppo ci mettiamo a scattare selfie inopportuni, scrivere commenti fuori luogo sui social e fare altre figuracce che possano complicare, e persino rovinare la vita nel tempo di un like.

Per questo motivo Gree, un'azienda cinese non proprio famosissima, da poco entrata nel mondo della telefonia mobile, ha realizzato e brevettato un filtro anti-sbronza che ha come obiettivo principale quello di salvaguardare la faccia delle persone.
 
I divieti. La modalità "sbronza" è un'impostazione, preconfigurata interamente dall'utente, che stabilisce quali app sono vietate e quali consentite una volta che sarà attivato il filtro, ma, soprattutto, registra la sequenza di sblocco che dovrà essere riprodotta per consentire la disattivazione. Quest'ultima è una complicata sequenza di codici alfanumerici, segni e gesti da tracciare sullo schermo, praticamente impossibile da portare a termine se l'alcol ha preso il sopravvento sulle nostre capacità di coordinazione.

La modalità "sbronza" permette anche di limitare i numeri di telefono contattabili: dunque una volta attivata sarà possibile chiamare (purché siano stati precedentemente inseriti nella lista dei numeri utilizzabili) un taxi o l'amico più fidato perché ci riportino a casa, ma, per dire, il numero del capoufficio sarà momentaneamente irraggiungibile.
 
Il dubbio. Una volta attivato, questo singolare filtro attiverà anche funzioni che renderanno il telefono più facilmente utilizzabile a chi ha alzato un po' il gomito, per esempio mostrando numeri più grandi sulla tastiera o inviando, alla semplice pressione di un tasto, la posizione GPS a qualcuno che può venirci a recuperare. Resta però un dubbio: chissà se una app del genere sarà davvero sufficiente per salvare la reputazione o se non sia, al contrario, la sua stessa presenza nello smartphone a demolire la dignità del proprietario.

19 marzo 2021 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us