Digital Life

Ubriaco su Twitter? Un algoritmo se ne accorge

Alcol e smartphone non vanno d'accordo: un software ha imparato a distinguere i 140 caratteri postati da chi ha alzato il gomito.

Nei suoi 10 anni di vita, che si celebrano proprio oggi, Twitter ha fornito una miniera di dati utili al mondo accademico: cinguettii da tutto il mondo sono stati usati per elaborare sondaggi politici, mappare la diffusione di mal di testa ed epidemie, e ora anche... per misurare il tasso alcolemico di una città.

Un gruppo di scienziati dell'università di Rochester (New York) ha sviluppato un algoritmo di apprendimento automatico in grado di distinguere i tweet (in inglese) inviati da utenti ubriachi. Lo studio è stato pubblicato su arXiv.

Training linguistico. Il team ha analizzato 11 mila cinguettii geolocalizzati postati tra il 2013 e il 2014 nella città di New York e nell'area suburbana della Contea di Monroe, nello Stato di New York. Da questo database i ricercatori hanno selezionato i tweet che contenevano riferimenti all'alcol, a feste o all'essere ubriachi e le hanno date in pasto al software.

Assegnando diversi "punteggi" e pesi alle varie parole, l'algoritmo ha imparato a distinguere i tweet che si riferiscono all'alcol da quelli ambigui (con termini come club o party, che non necessariamente implicano l'essere "alticci").

Dove si beve di più? Utilizzando questi dati e altre analisi dei 140 caratteri postati, il software è riuscito a capire se ciascun tweet si riferisse allo stato di sobrietà dell'utente e se chi l'aveva scritto fosse effettivamente ubriaco mentre digitava. I dati relativi alla posizione sono stati poi usati per creare mappe sul consumo di alcol nelle aree analizzate.

Strumenti come questo potrebbero servire a elaborare statistiche in tempo reale e a costo zero sull'abuso di alcol e altri parametri associati alla salute, e intervenire con più prontezza rispetto a quanto si faccia attualmente.

21 marzo 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us