Digital Life

Addio hitchBOT, robot autostoppista

Termina a Filadelfia e con un atto di vandalismo il viaggio/esperimento del robottino canadese che voleva attraversare gli Stati Uniti in autostop.

L'idea era di attraversare gli Stati Uniti facendosi dare un passaggio da generosi automobilisti, invece il canadese hitchBOT è stato ritrovato a Filadelfia, vittima di un atto di vandalismo. Si conclude così l'esperimento sociale voluto da David Smith (McMaster University) e Frauke Zeller (Ryerson University) e presentato un anno fa con questo video, in inglese:

L'ultimo autostop. Non è chiaro chi abbia distrutto hitchBOT, né dove e quando l'abbia fatto. Gli unici riferimenti certi sono che l'avventura del robottino è cominciata due settimane fa a Boston ed è terminata l'1 agosto a Filadelfia.

La foto che testimonia la
La foto che testimonia la "morte" di hitchBOT, decapitato e con le braccia strappate, è stata postata dalla giornalista canadese Lauren O'Neil sul proprio profilo Twitter. © Lauren O'Neil

E adesso? David Smith e Frauke Zeller hanno fatto sapere di non essere interessati a identificare gli autori del vandalismo. Del resto, hitchBOT è nato come esperimento sociale (capire come gli umani interagiscono con un robot) e i dati raccolti finora sono già molto interessanti.

L'esperimento. L'idea dei suoi progettisti era di provare a rispondere alla domanda: gli uomini si fidano dei robot? Hanno dunque costruito un robottino dall'aspetto simpatico e capace di una certa interazione vocale (ma non di muoversi) e poi l'hanno lasciato incustodito.

Ogni volta che fosse stato stabilito un contatto con un umano, hitchBOT avrebbe twittato la propria posizione e chiesto il permesso di scattare una foto e di postarla sui propri profili Facebook e Instagram. Per ricaricare le batterie, avrebbe chiesto di potersi connettere all'accendisigari dell'automobile.

I viaggi. Prima di cominciare l'avventura statunitense, hitchBOT aveva completato con successo un viaggio attraverso il Canada, i Paesi Bassi e le principali città tedesche. Apparentemente, fra gli ultimi a dargli un passaggio ci sono due video blogger: salta a 7:47 del video (in inglese) per assistere all'incontro.

8 agosto 2015 Aldo Fresia
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us