Digital Life

Activision: "Electronic Arts ci ha sabotato Call of Duty"

Pesanti accuse per l'affaire di Infinity Ward.

Secondo alcuni documenti portati in tribunale dai legali di Activision, in uno scambio di e-mail con Lincoln Hershberger di EA, l'ex boss di Infinity Ward Vince Zampella si sarebbe accordato con i rivali di Activision per rinviare lo Stimulus Pack di Modern Warfare 2 a vantaggio di Battlefield: Bad Company 2, il cui debutto era stato fissato più o meno nello stesso periodo.

“Electronic Arts sarebbe stata in combutta con Infinity Ward per ritardare la release dell'espansione di Call of Duty.”

"Qualche mese fa ho chiesto a Vince di trattenere il pacchetto di mappe in attesa del lancio del nostro gioco (mi deve un favore). Considerato che hanno già fatto un miliardo, per lui non è un problema, ma ovviamente Kotick l'ha valutato come una sfida".

Jeff Brown, portavoce di EA, ha dichiarato a Kotaku che si è trattato semplicemente di uno scherzo: "Era sarcastico. Si capisce chiaramente dai toni della e-mail che stavano scherzando. Abbiamo cercato di spiegarlo ai legali di Activision ma non sembrano avere il senso dell'umorismo".

Activision ha allegato alla e-mail un'accusa secondo la quale "per proteggere la serie più debole di Battlefield Bad Company, EA si è accordata segretamente con West e Zampella in modo da incrementare le vendite di BFBC a danno di Call of Duty".

In altri documenti presentati da Activision, che ha fatto causa a EA chiedendo un risarcimento di 400 milioni di dollari per i presunti danni provocati da EA a Infinity Ward e a COD, si legge: "Nella seconda settimana del novembre del 2009, un manager di EA informò Brown dell'incontro finalizzato alla definizione dei termini dell'accordo". Pochi giorni dopo, Riccitiello venne informato della necessità di "incontrare i nostri due amici" e di "adottare un atteggiamento più aggressivo".

21 gennaio 2011 Stefano Silvestri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us