Digital Life

Activision: "Electronic Arts ci ha sabotato Call of Duty"

Pesanti accuse per l'affaire di Infinity Ward.

Secondo alcuni documenti portati in tribunale dai legali di Activision, in uno scambio di e-mail con Lincoln Hershberger di EA, l'ex boss di Infinity Ward Vince Zampella si sarebbe accordato con i rivali di Activision per rinviare lo Stimulus Pack di Modern Warfare 2 a vantaggio di Battlefield: Bad Company 2, il cui debutto era stato fissato più o meno nello stesso periodo.

“Electronic Arts sarebbe stata in combutta con Infinity Ward per ritardare la release dell'espansione di Call of Duty.”

"Qualche mese fa ho chiesto a Vince di trattenere il pacchetto di mappe in attesa del lancio del nostro gioco (mi deve un favore). Considerato che hanno già fatto un miliardo, per lui non è un problema, ma ovviamente Kotick l'ha valutato come una sfida".

Jeff Brown, portavoce di EA, ha dichiarato a Kotaku che si è trattato semplicemente di uno scherzo: "Era sarcastico. Si capisce chiaramente dai toni della e-mail che stavano scherzando. Abbiamo cercato di spiegarlo ai legali di Activision ma non sembrano avere il senso dell'umorismo".

Activision ha allegato alla e-mail un'accusa secondo la quale "per proteggere la serie più debole di Battlefield Bad Company, EA si è accordata segretamente con West e Zampella in modo da incrementare le vendite di BFBC a danno di Call of Duty".

In altri documenti presentati da Activision, che ha fatto causa a EA chiedendo un risarcimento di 400 milioni di dollari per i presunti danni provocati da EA a Infinity Ward e a COD, si legge: "Nella seconda settimana del novembre del 2009, un manager di EA informò Brown dell'incontro finalizzato alla definizione dei termini dell'accordo". Pochi giorni dopo, Riccitiello venne informato della necessità di "incontrare i nostri due amici" e di "adottare un atteggiamento più aggressivo".

21 gennaio 2011 Stefano Silvestri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us