Digital Life

Activision dice addio a Guitar Hero

Activision interrompe per problemi finanziari.

Secondo un annuncio di Activision la business unit di Guitar Hero verrà dismessa e lo sviluppo del famoso gioco musicale per il 2011 verrà interrotto: per gli amanti dei videogame si prospetta un futuro senza canzoni a suon di controller.

“La decisione dopo i risultati finanziari: business unit ceduta a terzi e niente gioco nel 2011”

Problemi finanziari - L’annuncio del colosso Activision arriva dopo diversi passaggi aziendali, che hanno interessato le proprietà delle società controllate. Viacom ha venduto Harmonix, azienda che ha lanciato Guitar Hero nel 2005 prima di arrivare in Viacom nel 2006, dove ha creato Rock Band. La vendita di Harmonix lo scorso dicembre è stata particolare: l’unità è stata ceduta a Columbus Nova, un fondo di investimento privato newyorkese, per appena 50 dollari. Secondo Viacom il motivo della cessione è puramente pecuniario: non ci sono stati profitti in nessuno dei tre giochi Rock Band realizzati dal 2007 al 2009, da cui la decisione di cedere la sezione per rientrare almeno con i benefit previsti in America per la questione delle tasse: circa 150 millioni di dollari.

Chitarra al muro - Gli annunci di Activision e Viacom sono un’indicazione di quanto può essere rapido il cambio di rotta nel business dei videogame. Anche se i giochi musicali continuano ad avere dei fan in tutto il mondo ma, a quanto pare, Guitar Hero aveva ormai raggiunto il punto di non ritorno: vendite in calo e alti costi, per via delle licenze. Da cui la scarsità dei profitti per il colosso dei videogame e la successiva decisione di chiudere l’esperienza: "A causa del continuo declino delle vendite, l'azienda scioglierà l'unità che si occupa di Guitar Hero e abbandonerà lo sviluppo del titolo previsto per il 2011".

Videogame spendaccioni. Guarda la gallery!

10 febbraio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us