Digital Life

A Facebook manca solo il dono della parola

Potrebbe essere migliore di Skype e Google Voice.

di
Facebook - secondo Strand Consult - potrebbe guadagnare fino a 800 milioni di dollari l'anno offrendo al suo miliardo di utenti un servizio di telefonia simile a Skype o Google Voice. Perché non si dà una smossa?

"Facebook ha già
le tecnologie necessarie: sarebbe un successo"

Telefono Facebook -

Cosa potrebbe risollevare le sorti dell'azienda, che sta precipitando in borsa

analisi di Strand Consult

Concorrenza agguerrita - Si parte dal presupposto che le telefonate con il sistema Voip non sono affatto una novità per gli utenti. Skype ha inventato il mercato - facendosi poi comprare per oltre 8 miliardi di dollari da Microsoft - mentre Google Voice è già un successo negli Stati Uniti e in Canada. Ma non in Europa, dove stenta ad arrivare. Gli utenti amano questa tecnologia perché permette di risparmiare moltissimo senza perdere la libertà di poter chiamare quando e chi si vuole.

Non gli manca niente - Facebook, al momento, si limita a offrire ai suoi utenti l'integrazione con Skype, ma non un vero servizio di Voip nativo firmato dalla casa. Eppure a Facebook non mancherebbe proprio nulla per fare il grande passo. Innanzitutto i potenziali clienti: un miliardo di profili Facebook sono almeno 50 milioni di "telefonatori" sicuri. Poi la tecnologia per i pagamenti: Facebook potrebbe sfruttare quella su cui si basano gli introiti dei numerosissimi social game. Se Facebook ancora non si decide, forse è perché sta veramente pensando a qualcosa di ancora più grande: il FacebookFonino. (sp)

Furto d'identità su Facebook? Evitalo così!

31 agosto 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us