Digital Life

Allarme IA e fake news: come l'Intelligenza artificiale peggiora la nostra disinformazione

Uno studio mette in guardia dall'utilizzo di intelligenze artificiali generative che rischiano di distorcere sempre di più la realtà. E propone un modo per evitarlo.

 

C'è un motivo se l'Unione Europea si sta muovendo con ampio anticipo per redigere una normativa anti fake news in vista delle elezioni comunitarie del prossimo anno: con l'avvento dell'Intelligenza artificiale, infatti, si corre il rischio che le notizie false, già diffusissime sul web, crescano a dismisura; e che la disinformazione venga acuita dall'uso di software come ChatGPT, Dall-E, Bing AI, Bard e simili che si nutrono delle informazioni che trovano in rete.

Uno studio dell'Università di Berkeley, in California, mette in guardia proprio su questo particolare aspetto dell'utilizzo di intelligenze artificiali generative, e su come possano corroborare false credenze in soggetti che indirizzano le proprie ricerche partendo da presupposti sbagliati.

 

Meglio non fidarsi troppo. Molto dipende dal funzionamento dei software di questo tipo che, di base, cercano informazioni nel web per rispondere alle nostre domande. Il problema principale è che, nella maggior parte dei casi, l'utente tende a fidarsi delle risposte poiché percepisce questa nuova tecnologia come intelligente e competente per via delle capacità sovradimensionate, irrealistiche ed esagerate che permeano il modo in cui questa risorsa viene presentata al mondo. Si dà, in pratica, per scontato che siano le intelligenze artificiali stesse a scartare a priori le fake news per fornirci una risposta veritiera, ma non funziona sempre così, soprattutto nel caso in cui si parta da convinzioni di base errate. In questo modo si rischia che le informazioni false e gli stereotipi negativi si diffondano sempre di più.

Lo studio statunitense ha indagato anche un altro fenomeno preoccupante, ossia il fatto che quando si riceve una risposta dall'IA, si diventi molto meno inclini a cambiare idea. Tale componente, propria degli esseri umani, tende a radicalizzare le conoscenze, soprattutto in quegli utenti appartenenti alle classi sociali emarginate e con un tasso d'istruzione inferiore, che risultano essere più propensi a credere alle fake news e alla disinformazione.

Come si può ovviare al problema? Il team di ricerca crede che implementando nelle IA una componente psicologica, rendendo cioè meno nette le risposte, e aggiungendo un sistema di valutazione da parte di utenti "esperti" dei vari argomenti, la qualità dei risultati migliorerebbe. Alla base di tutto, resta però l'educazione del pubblico da parte dei responsabili politici e degli scienziati, ma anche dei mezzi d'informazione, che dovrebbero fornire indicazioni realistiche su questa nuova tecnologia, in modo che non venga percepita come infallibile.

 

15 luglio 2023 Simone Valtieri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us