Digital Life

Tatuaggi a distanza grazie alla connessione superveloce 5G

Un tatuaggio, realizzato con un robot controllato da remoto, ha dato un (inusuale) saggio delle potenzialità della connessione superveloce 5G.

Sentiamo parlare ormai quasi ogni giorno del 5G: c'è chi lo fa per diffondere bufale su fantomatici effetti collaterali che avrebbe sulla nostra salute e chi – è la maggior parte dei casi, per fortuna – per anticipare le ricadute positive che questa tecnologia avrà sulle nostre vite, per esempio nel campo dei trasporti, dell'intelligenza artificiale e della "chirurgia da remoto".
Per dare un saggio delle potenzialità derivanti principalmente dal ridottissimo tempo di latenza (è il tempo che intercorre tra l'istante in cui l'operatore "ordina" e quello in cui il robot esegue) del 5G, qualcuno si è inventato un esperimento davvero curioso, che potrebbe sembrare la scena di un film di fantascienza (di quelli forse un tantino distopici).

Hi-tech fatto in casa. È accaduto davvero, qualche settimana fa: Stijn Fransen, un'attrice olandese, si è fatta tatuare il braccio da un braccio robotico, controllato, tramite una connessione 5G, da un tatuatore che si trovava in un altro luogo.

Ai comandi del robot c'era Wes Thomas, artista londinese appassionato di tecnologia. Thomas aveva ideato l'esperimento durante il lockdown insieme a un esperto di robotica: i due hanno progettato il braccio robot, ideato lo speciale ago da tatuaggio e hanno stampato il tutto in 3D.

Hanno quindi montato sul robot motori elettrici e attuatori e lo hanno collegato a uno smartphone 5G. 

Connessione veloce. La rete ultraveloce ha fatto il resto, permettendo al tatuatore di controllare il robot da remoto, praticamente senza latenza e senza perdite di segnale. Speciali accorgimenti progettuali hanno permesso ai due di realizzare un ago estremamente sicuro, che anche in caso di errore umano non avrebbe potuto penetrare a fondo nel braccio della modella.

Prima di effettuare un test dal vivo, i due hanno realizzato numerose prove, disegnando e tatuando anche tessuti vegetali. Nella prova dal vivo è andato tutto bene: la modella ha un tatuaggio dal design minimal ma pulito e preciso sull'avambraccio sinistro.

L'esperimento, per quanto sia il primo nel suo genere, non rappresenta una novità assoluta: le reti di comunicazione ultraveloci di ultima generazione hanno già permesso la realizzazione di veri e propri esperimenti chirurgici a distanza, anche se per ora solo su modelli artificiali o su cadaveri.

29 marzo 2021 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us