Architettura

L'aereo del 2050: trasparente e multimediale

L'Airbus che volerà nel 2050 sarà eccezionalmente comodo. E anche un po' terrificante!

Nel 2050 potrebbe materializzarsi il peggior incubo di chi soffre di vertigini: l'aeroplano trasparente, un rivoluzionario progetto presentato ieri mattina ai media dal colosso dell'aviazione Airbus.
Ma la cabina trasparente non è nè l'unica nè la più grande rivoluzione che trovermo a bordo dei velivoli commerciali entro quarant'anni: il viaggio in aereo è infatti destinato a evolversi, trasformandosi in un'esperienza nuova e completamente diversa da come la conosciamo ora.

La fine del posto stretto
Concetti come "economy" e "business class" non esisteranno più. Secondo i progettisti di Aribus gli apparecchi saranno divisi in tre zone: quella frontale dedicata al relax, quella posteriore per chi deve lavorare e un'area centrale per il ristoro e la socializzazione tra i passeggeri.
La zona relax, oltre alle pareti in grado di diventare trasparenti a seconda delle condizioni di luce, disporrà di tutte le più evolute tecnologie per l'intrattenimento. Il cuore del sistema sarà un display olografico alimentato dal calore corporeo del passeggero mentre una poltrona intelligente capace di modellarsi sulle forme dell'occupante garantirà un confort da hotel 5 stelle.
A bordo di questi apparecchi si potrà insomma fare di tutto: parlare in teleconferenza con i colleghi di lavoro che sono dall'altra parte del mondo, divertirsi con i social media all'interno di proiezioni olografiche degli stessi, fare shopping virtuale provandosi i più diversi capi di vestiario in un camerino elettronico.
E si potrà addirittura giocare a golf in un campo digitale....

Ecologico e ispirato dalla natura
Ma non sarà solo marketing: secondo Airbus l'aereo del futuro sarà una rivoluzione soprattutto di materiali e tecnologie. La struttura portante dell'apparecchio sarà ispirata al corpo degli uccelli: forte e resistente ma leggera. E con un occhio di riguardo all'ambiente, con motori dai consumi ridotti, meno emissioni e livelli di rumore più contenuti.
«Questo concept plane è stato progettato per dimostrare che anche il viaggio può essere interessante come la scoperta della destinazione finale» ha spiegato ai media Charles Champion, il vicepresidente dell'azienda.
Ciò che non ha spiegato è se tutto ciò sarà compatibile con altri concetti, per esempio il "low cost"...

Nel 2050 potrebbe materializzarsi il peggior incubo di chi soffre di vertigini: l'aeroplano trasparente, un rivoluzionario progetto presentato ieri mattina ai media dal colosso dell'aviazione Airbus.
Ma la cabina trasparente non è nè l'unica nè la più grande rivoluzione che trovermo a bordo dei velivoli commerciali entro quarant'anni: il viaggio in aereo è infatti destinato a evolversi, trasformandosi in un'esperienza nuova e completamente diversa da come la conosciamo ora.

La fine del posto stretto
Concetti come "economy" e "business class" non esisteranno più. Secondo i progettisti di Aribus gli apparecchi saranno divisi in tre zone: quella frontale dedicata al relax, quella posteriore per chi deve lavorare e un'area centrale per il ristoro e la socializzazione tra i passeggeri.
La zona relax, oltre alle pareti in grado di diventare trasparenti a seconda delle condizioni di luce, disporrà di tutte le più evolute tecnologie per l'intrattenimento. Il cuore del sistema sarà un display olografico alimentato dal calore corporeo del passeggero mentre una poltrona intelligente capace di modellarsi sulle forme dell'occupante garantirà un confort da hotel 5 stelle.
A bordo di questi apparecchi si potrà insomma fare di tutto: parlare in teleconferenza con i colleghi di lavoro che sono dall'altra parte del mondo, divertirsi con i social media all'interno di proiezioni olografiche degli stessi, fare shopping virtuale provandosi i più diversi capi di vestiario in un camerino elettronico.
E si potrà addirittura giocare a golf in un campo digitale....

Ecologico e ispirato dalla natura
Ma non sarà solo marketing: secondo Airbus l'aereo del futuro sarà una rivoluzione soprattutto di materiali e tecnologie. La struttura portante dell'apparecchio sarà ispirata al corpo degli uccelli: forte e resistente ma leggera. E con un occhio di riguardo all'ambiente, con motori dai consumi ridotti, meno emissioni e livelli di rumore più contenuti.
«Questo concept plane è stato progettato per dimostrare che anche il viaggio può essere interessante come la scoperta della destinazione finale» ha spiegato ai media Charles Champion, il vicepresidente dell'azienda.
Ciò che non ha spiegato è se tutto ciò sarà compatibile con altri concetti, per esempio il "low cost"...

14 giugno 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us