Architettura

Apple Park: le zuccate dei dipendenti contro le (futuristiche?) vetrate

Nel nuovo quartier generale di Cupertino, costato 5 miliardi di dollari, le pareti di vetro sono talmente "invisibili" che la gente ci sbatte contro.

Anche ai migliori architetti capita di sbagliare, ma se l'errore riguarda un simbolo di pulizia ed eleganza come l'Apple Park, il nuovo quartier generale della Apple a Cupertino, nel cuore della Silicon Valley, la notizia è particolarmente curiosa.

Astronave. L'edificio di forma circolare costato 5 miliardi di dollari (oltre 4 miliardi di euro), nato da un'idea di Steve Jobs e progettato in collaborazione con lo studio internazionale Foster + Partners, doveva essere, nei piani del fondatore di Apple, una sorta di tempio del design: in buona parte costruito in vetro, è rivestito con le più grandi vetrate curve mai realizzate, in un capolavoro di trasparenza godibile soprattutto... da fuori.

Non l'ho vista. Per i 13 mila lavoratori che da gennaio vi sono stati trasferiti, le pareti di vetro di alcuni ambienti si sono trasformate in una trappola: i giornali californiani riportano di almeno tre episodi di scontri frontali degli impiegati con le pareti di vetro, talmente pulite e trasparenti da risultare indistinguibili dalle porte automatiche (anch'esse in vetro). Non è chiaro in quanti, finora, si siano feriti, ma il giornale locale San Francisco Chronicle riporta di tre casi di chiamate al 911, incluso quello di un uomo che si è aperto il sopracciglio e ha dovuto essere medicato con alcuni punti di sutura.

Il cuore del nuovo campus di Apple a Cupertino: l'Apple Park non è per il momento accessibile a visitatori esterni ("perché contiene informazioni riservate"). Finché rimane a rischio zuccate, è forse meglio così. © Apple

Adesivi. Il problema era stato in parte presagito dal responsabile dei lavori, Albert Salvador, il quale alcuni mesi fa aveva personalmente rilevato il problema. Si racconta che mentre Salvador segnalava a un funzionario dei vigili del fuoco i pericoli relativi all'accesso alla caffetteria, le cui pareti di vetro si estendono dal pavimento al soffitto, un dipendente di Apple fosse andato a sbattere contro una "finta porta", dimostrando appunto la concretezza del problema.

Dopo quell'episodio sulle pareti del bar erano stati applicati adesivi neri, per segnalare la presenza di un ostacolo. I recenti incidenti sarebbero invece avvenuti contro le pareti divisorie "pod" - piccoli spazi interni, sempre in vetro - usati come uffici. Anche in questo caso i dipendenti sono corsi ai ripari, attaccando dei post-it sulle aree "solide", da evitare.

10 marzo 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us