Architettura

La storia del Tunnel del San Gottardo

La costruzione del tunnel ferroviario più lungo del mondo è un esempio di democrazia, innovazione tecnologica e tutela ambientale.

Il sogno di una galleria ferroviaria attraverso le Alpi ha più di 40 anni: il primo progetto risale al 1971, ma fu accantonato per i costi. A metà degli anni '80 tornò in auge e il Consiglio federale svizzero identificò una serie di possibili tragitti.

Come è stato costruito

Siamo entrati nel tunnel del San Gottardo in anteprima e abbiamo seguito i primi test con i treni. Leggi il reportage

Consenso popolare
Il progetto fu sottoposto a referendum: nel 1992, il 64% degli svizzeri decise di puntare sulle ferrovie per togliere il traffico pesante e lo smog dalle strade lungo le valli. Con un altro referendum, nel 1998, si decise di finanziare l'opera attraverso una tassa sul traffico pesante.
Dunque, il tunnel del Gottardo ha avuto fin dall'inizio un consenso politico e una copertura economica (l'opera è costata 9,9 miliardi di euro, di cui 7,8 solo per la galleria del Gottardo).

No tunnel
Tuttavia le proteste non sono mancate: «abbiamo ricevuto 900 cause da cittadini lungo il tragitto che contestavano il rischio di rumori e le opere edili» dice Stephan Aerni, responsabile della messa in servizio del tunnel. «Ma l'avevamo messo in conto: per questo siamo partiti con grande anticipo, e oggi non siamo in ritardo sui tempi di realizzazione».

Il tunnel del Gottardo è il cuore del collegamento ferroviario tra Nord e Sud Europa: il “corridoio 1” che collegherà il porto di Rotterdam a Genova, passando per Germania e Svizzera. Oggi su questa direttrice transitano 180 treni al giorno e 9 mila passeggeri; dal 2019 si prevedono 260 treni e 15 mila passeggeri. E le merci saliranno dalle attuali 20 milioni di tonnellate/anno, a 50 milioni di tonnellate.

2 aprile 2014 Vito Tartamella
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us