Dentro un capolavoro

42-38656437
|© Ken Kaminesky/Corbis
Affascina e inquieta al tempo stesso: con le sue curve sensuali in ferro battuto, le scintillanti “trencadis” (collage di tegole rotte e ceramica) e le tegole di ceramica vetrificata del tetto evocanti le squame di un rettile, Casa Batlló, la celebre opera di Antoni Gaudì, sembra la rappresentazione architettonica della leggenda di San Giorgio (patrono della Catalogna) e del suo drago.
Chiamata affettuosamente "Casa dels ossos" (casa delle ossa) per il suo aspetto che ricorda un essere vivente, quasi quello di uno scheletro organico, dal primo piano, adibito a residenza della famiglia Batlló, ai piani superiori ospitanti appartamenti in affitto fino alla terrazza, sulle pareti, come per l'esterno, sono assenti spigoli e linee rette. Visitare la stravagante unicità dei suoi interni è come entrare nell'anima stessa di Gaudì, con ogni più piccolo dettaglio studiato e creato appositamente dal maestro: Dalle maniglie delle porte all'ingegnosa ventilazione e alla illuminazione naturale che si riflette dal cortile interno fino alle scale sinuose e alla spettacolare vetrata della galleria.
Capolavoro e gioiello architettonico universale, Casa Batlló si trova a Barcellona, al civico 43 del Passeig de Gràcia, il cuore del quartiere modernista della città a pochi passi da "La Pedrera".

A forma di cestino, di pianoforte e anche di water: non perderti le più incredibili case da pazzi

I grattacieli più strani del mondo
03 Settembre 2013 | Rebecca Mantovani

Codice Sconto