Il sapore del paesaggio

Tasting the Landscape è il tema del 53mo congresso mondiale degli architetti paesaggisti (Torino, 20-22 aprile 2016: vedi il programma degli eventi); ecco alcune immagini dai progetti che raccontano e orientano l'evoluzione del paesaggio.

Il titolo scelto per questa edizione del convegno organizzato dall'Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio (Aiapp), in collaborazione con la città di Torino, pone l'accento sull'idea di paesaggio come strumento di produzione di qualità, di benessere, di risorse, di beni comuni e sul ruolo dell'architetto paesaggista nei processi di qualificazione (e riqualificazione) di luoghi e territori. L'obiettivo è, in questo caso, lo spazio peri-urbano, luogo di confine tra città e campagna in cui si gioca parte della sfida di sostenibilità per le città del nuovo millennio.
 
Foto: Trasformazioni, di Li Fangzheng
 


Vedi anche:
# eVolo Skyscraper Competition: visioni dal futuro

Dolomiti contemporanee, di D'Incà Levis Gianluca/DC_Progettoborca, Giacomo De Donà
 


Vedi anche:
# Il secondo grattacielo più alto del mondo: la Torre di Shanghai (video in time lapse)

Il Giardino degli Abbracci, di Giulio Senes/schizzo di Chiara Moroni
 


Vedi anche:
# Djerbahood, la città-museo

Hangar Bicocca: mare d'erba, di Marco Bay
 


Vedi anche:
# Biancoshock: street art a Milano

Un progetto per la Beijing World Horticultural Exposition (Pechino, 2019), di Jie Hu/Sky Field Garden
 


Vedi anche:
# Zebra crossing: le strisce pedonali più pazze del mondo

Foreste urbane, di Karin Standler/Stefano Boeri
 


Vedi anche:
# Stencil metropolitani

Campo agricolo, di Lucia Nusiner
 


Vedi anche:
# I segnali stradali di Clet

Hangar di stelle, di Marco Cei
 


Vedi anche:
# Scalinate come opere d'arte

Paesaggi resilienti, di Marco Scarpinato, Lucia Pierro
 


Vedi anche:
# La street art salverà il mondo

Economia agricola, di Michael Grove
 


Vedi anche:
# Le città più colorate del mondo

Il titolo scelto per questa edizione del convegno organizzato dall'Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio (Aiapp), in collaborazione con la città di Torino, pone l'accento sull'idea di paesaggio come strumento di produzione di qualità, di benessere, di risorse, di beni comuni e sul ruolo dell'architetto paesaggista nei processi di qualificazione (e riqualificazione) di luoghi e territori. L'obiettivo è, in questo caso, lo spazio peri-urbano, luogo di confine tra città e campagna in cui si gioca parte della sfida di sostenibilità per le città del nuovo millennio.
 
Foto: Trasformazioni, di Li Fangzheng
 

Vedi anche:
# eVolo Skyscraper Competition: visioni dal futuro