La metropolitana di Londra compie 150 anni

Quando ha iniziato a trasportare i londinesi da un capo all'altro della città, smaltendo l'enorme mole di "commuters" che affollavano le strade della capitale britannica, era il 10 gennaio 1863. Da allora ne sono passati, di treni sotto i tunnel, ma la metropolitana di Londra continua ad essere uno dei mezzi di trasporto più efficienti e affascinanti di tutto il mondo.
Ne ripercorriamo la leggenda tra storia, aneddoti, numeri e curiosità.

Guarda anche: c'è un maiale in metropolitana! - Arte contemporanea nella metropolitana di Napoli

268403268401get_157073496corbis_42-29438561corbis_aaka002940reu_rtr2w172268405corbis_hu005962get_113917694corbis_42-35738976reu_rtr2zaer268402corbis_42-34057246268399corbis_be027964reu_rtr22lu2268400corbis_be033976reu_rtr309s4268404corbis_u540347acme268406268407reu_rtxte1vget_2469901reu_rtr3bpu8get_126383641reu_rtr22qqhApprofondimenti
268403

Salirci è un'esperienza caotica e indimenticabile. Sapercisi orientare un'impresa ardua. Difficile poi dimenticare il campionario di umanità che vi si incontra: distinti uomini della City, punk, modelle, artisti di strada accompagnati da improbabili animali da compagnia. La metropolitana di Londra, "Underground", o semplicemente "the Tube" per i londinesi, compie proprio in questi giorni 150 anni. I suoi vagoni hanno storie sorprendenti da raccontare.

Inaugurata 10 gennaio 1863, comprende 12 linee di subsuperficie e profonde e 382 stazioni. Secondo la Transport for London, la società che gestisce la metropolitana, ogni treno percorre circa 123.600 chilometri all'anno, pari a circa 3 volte la circonferenza della Terra.

268401

"Underground, the way for all" recita questo cartellone pubblicitario della Tube londinese del 1911: un mezzo di trasporto adatto a tutti i ceti sociali.
Gli accessi registrati ogni anno sulla Tube sono 1 miliardo e 171 milioni. La stazione più trafficata è quella di Waterloo, con 57 mila passeggeri che vi transitano ogni giorno nelle tre ore di punta mattutine.

get_157073496

Uno sguardo all'iPhone con la mappa della metropolitana di Londra in attesa che arrivi il treno. Prima del 1931 la cartina della underground londinese indicava l'esatta posizione geografica delle fermate. Fu Harry Beck, un impiegato della London Underground, a capire che per i passeggeri che si trovassero all'interno del metrò sottoterra non era di grande importanza capire le esatte coordinate geografiche di una stazione, quanto capire quali linee cambiare per raggiungerla.

Guarda anche gli animali nascosti nella mappa della Tube

Beck concepì così una cartina schematica, le cui linee potessero andare solo in direzione orizzontale, verticale e obliqua, che rinunciasse alla rappresentazione in scala a favore di una maggiore leggibilità e che riproducesse anche la posizione del Tamigi rispetto alle varie linee. Fu un successo: dalle 500 copie iniziali, ne vennero diffuse, l'anno successivo, 70 mila. L'attuale cartina è un'evoluzione di quella di Beck, anche se nel 2009, con grande disappunto di molti londinesi, dalle mappe è stato cancellato il Tamigi (che il sindaco di Londra Boris Johnson ha fatto subito ripristinare).

corbis_42-29438561

Un poster per pubblicizzare la Central London Railway, una linea ferroviaria metropolitana sotterranea che aprì nel 1900. Oggi i suoi tunnel e le sue stazioni sono utilizzate dalla linea metropolitana Central Line.

La metropolitana londinese è soprannominata "the Tube" dal 1890, anno in cui aprì il primo tratto sotterraneo profondo, per via della sezione circolare delle sue gallerie.

Tante curiosità sulle metropolitane di tutto il mondo

corbis_aaka002940

Look punk nella metropolitana di Londra.
A partire dal 2003, come parte di un progetto sperimentale, per 18 mesi consecutivi è stata diffusa musica classica nelle stazioni metropolitane londinesi a più alto tasso di criminalità. Bach, Mozart e Chopin hanno sortito l'effetto di ridurre del 33% le azioni criminali e di un quarto gli atti di prepotenza contro il personale del Tube.
Non si conoscono i motivi di questo insperato successo, ma l'iniziativa è stata copiata anche da altre città ad alto tasso di criminalità, come Minneapolis (USA).

reu_rtr2w172

Un po' meno compassati dei passeggeri della foto precedente, questi londinesi sono rimasti... in mutande durante il No Trousers Day, un flash mob organizzato via social network che si svolge ogni anno a gennaio.

268405

Un treno elettrico e un treno a vapore fotografati nella stazione della metropolitana di Epping. La stazione divenne servita dalla linea metropolitana nel 1949 sulla tratta Epping-Loughton (una città della periferia londinese) mentre la tratta Epping-Ongar rimase servita da treni a vapore fino al 1957.
Per otto anni quindi, si potè assistere all'insolito spettacolo di un treno elettrificato della metropolitana e di una locomotiva a vapore fianco a fianco.

corbis_hu005962

Uno dei viaggi in metropolitana della Regina, qui in seguito all'inaugurazione della linea Victoria nel 1969. Una delle linee metropolitane, la Jubilee Line, fu chiamata così in onore del Giubileo d'argento della Regina Elisabetta nel 1977, ma fu inaugurata nel 1979.

get_113917694

Uno degli strani incontri che si possono fare nella metropolitana di Londra: una contorsionista dà sfoggio delle sue abilità tra i vagoni durante un servizio fotografico. Tra gli sguardi perplessi dei passeggeri.

corbis_42-35738976

"Da Wood Lane a... tutte le direzioni" indica questa litografia realizzata nel 1920: nella metropolitana si intravedono molti personaggi tipicamente londinesi.

Con i suoi 460 chilometri di linea autonoma - il 45% delle quali costituito da gallerie sotterranee - la metropolitana londinese è la più estesa d'Europa e la seconda più estesa al mondo dopo quella di Shanghai (467,5 chilometri).

Guarda anche una metropolitana fatta ad arte: quella di Stoccolma

reu_rtr2zaer

Un artista di strada insieme al suo gatto nella metropolitana di Londra.
A proposito di animali, si dice che le zanzare presenti nell'underground della capitale britanniche abbiano evoluto caratteristiche genetiche molto diverse da quelle presenti all'esterno. Anche se l'animale che regna sovrano tra i binari della Tube è il topo: se ne contano 500 mila in tutto, e le fermate dove è più facile avvistarli sono Waterloo Station e Oxford Circus.

268402

La comodità della metropolitana sembra aver "stregato" i londinesi, come indica questo poster intitolato "The lure of the underground" (Il richiamo della metropolitana) datato 1927.

corbis_42-34057246

La scritta "Mind the gap" (attenzione allo spazio vuoto) fu introdotta nel 1969 per avvertire i passeggeri dello spazio che poteva venirsi a creare tra la banchina e la porta del treno. Inizialmente erano gli addetti alla sicurezza della metropolitana ad avvertire i passeggeri, ma ripetere a tutti sempre lo stesso messaggio stava diventando un compito un po' troppo impegnativo.

268399

"Alla Tate Modern in metrò, autobus o fiume", recita questo poster realizzato dall'illustratore londinese Paul Catherall nel 2003.

L'aria che si respira nella metropolitana londinese è di circa 10 °C più calda rispetto a quella esterna e non è esattamente profumata. Nel 2001 è stata diffusa una fragranza fresca e floreale nelle stazioni di St. James Park, Euston, e Piccadilly, nel tentativo di rendere l'aria più respirabile, ma il profumo è stato abbandonato dopo diverse segnalazioni di passeggeri che a causa di esso si erano sentiti male.

corbis_be027964

Per una volta trovarsi tra i binari è sinonimo di sicurezza e riparo. Durante la Seconda Guerra Mondiale alcuni tratti della metropolitana londinese, come quello compreso tra le stazioni di Aldwych e Holborn, furono temporaneamente chiusi e trasformati in rifugi per i londinesi durante i bombardamenti aerei. Nella foto, alcuni bambini dormono in amache di fortuna nel novembre del 1940.

reu_rtr22lu2

Il Primo Ministro britannico David Cameron viaggia sulla Tube. Quelle istituzionali non sono le uniche figure note che si possono notare tra i vagoni: una serie di leggende infondate vuole che tra i binari della metropolitana londinese si aggirino fantasmi, tra cui quello di due attori morti, quello di una suora, di un operaio munito di lampada a petrolio e della giovane apprendista di un cappellaio.
Le leggende sono alimentate dal fatto che negli anni, alcuni ampliamenti necessari alle linee della Underground abbiano costretto a scavare dove un tempo sorgevano cimiteri e fosse comuni risalenti al periodo della peste del XVII secolo.

268400

1928: la metropolitana è ormai un mezzo di trasporto ampiamente utilizzato per spostarsi e raggiungere anche eventi mondani, come la storica Regata di Molesey sul Tamigi.

corbis_be033976

Costretti a rifugiarsi sottoterra nella stazione metropolitana di Aldwych durante i bombardamenti aerei nazisti dell'ottobre del 1940, un gruppo di londinesi dimentica per qualche istante gli orrori della guerra per ascoltare un concerto improvvisato.

reu_rtr309s4

Una squadra di pulitori libera i binari dai rifiuti. Nell'azienda metropolitana londinese sono impiegate circa 19 mila persone. Tra stazioni, depositi e uffici vengono raccolte e riciclate ogni anno 12.385 tonnellate di rifiuti.

268404

"Con un abbonamento settimanale hai anche un viaggio gratis in discoteca" recita questo cartellone pubblicitario datato 1986.

corbis_u540347acme

Un gruppo di viaggiatori legge approfittando delle lampade elettriche appena installate nei vagoni. Siamo nel gennaio del 1940: le luci saranno spente al suono degli allarmi antiaerei, durante i raid tedeschi.

268406

Una parata sulla linea ferroviaria metropolitana londinese.
Nel 1845 Charles Pearson, Procuratore legale della città di Londra, ebbe per primo l'idea di una linea ferroviaria sotterranea che connettesse le stazioni nord della capitale. La risultante Metropolitan Railway - il nucleo originario dell'intera metropolitana londinese - fu inaugurata tre mesi dopo la sua morte.

268407

L'ultimo sbuffo di vapore della locomotiva numero 1 del Metropolitan Railway 0-4-4T, al Buckinghamshire Railway Centre.
Anche conosciuta come Met, la ferrovia metropolitana londinese servì la città con un servizio di trasporto passeggeri e merci dal 1863 al 1933, garantendo in particolare gli spostamenti dal cuore finanziario della City ai sobborghi a nord del Middlesex.
A partire dai primi del '900 fu gradualmente elettrificata e quindi amalgamata alla linea ferroviaria sotterranea della capitale britannica.

reu_rtxte1v

La mattina del 7 luglio 2005 una serie di attentati suicidi a catena nel sistema di trasporto pubblico londinese, 3 in metropolitana e uno su un autobus, causarono la morte di 55 persone e il ferimento di circa 700 persone. Le indagini portarono all'individuazione di 4 uomini (tre dei quali provenienti da Leeds, nel West Yorkshire) morti nelle esplosioni, che avrebbero agito da soli, anche se Al Qaida rivendicò gli attentati.

Nella foto le immagini della telecamera di sicurezza della linea metropolitana tra le stazioni di King's Cross (dove morirono 26 persone) e Russel Square.

get_2469901

Personale medico partecipa ad un'esercitazione durante la simulazione di un attacco terroristico presso la stazione metropolitana di Bank nel centro di Londra.

La metropolitana di Londra è un luogo molto popolare per i suicidi. Si calcola che sui suoi binari si suicidino un centinaio di persone ogni anno, generalmente intorno alle ore 11.00 del mattino.

reu_rtr3bpu8

La locomotiva a vapore numero 1 della Met alla fermata di Baker Street, il 16 dicembre 2012. Il convoglio costruito nel 1898 ha effettuato una corsa prova in preparazione delle celebrazioni per il 150esimo anniversario dalla nascita dell'Underground londinese.

get_126383641

Il design della stazione di Baker Street non poteva che essere ispirato alla figura di Sherlock Holmes. La piastrellatura di questa fermata è unica nel suo genere.

reu_rtr22qqh

Un raduno di Babbi Natale alla stazione di Temple Underground durante una delle annuali Santa Claus Parade organizzate nella capitale britannica.

Nonostante l'enorme flusso di viaggiatori che transita ogni giorno sulla metropolitana londinese, in 150 anni vi sono nati, in emergenza, solo tre neonati, l'ultimo dei quali nel 2009.

Salirci è un'esperienza caotica e indimenticabile. Sapercisi orientare un'impresa ardua. Difficile poi dimenticare il campionario di umanità che vi si incontra: distinti uomini della City, punk, modelle, artisti di strada accompagnati da improbabili animali da compagnia. La metropolitana di Londra, "Underground", o semplicemente "the Tube" per i londinesi, compie proprio in questi giorni 150 anni. I suoi vagoni hanno storie sorprendenti da raccontare.

Inaugurata 10 gennaio 1863, comprende 12 linee di subsuperficie e profonde e 382 stazioni. Secondo la Transport for London, la società che gestisce la metropolitana, ogni treno percorre circa 123.600 chilometri all'anno, pari a circa 3 volte la circonferenza della Terra.