I più grandi telescopi del mondo | Massimo Tarenghi

Alla scoperta dei telescopi e degli osservatori dell'Osservatorio europeo australe (Eso) con Massimo Tarenghi, l'astrofisico italiano che li ha costruiti.

I più grandi osservatori astronomici del mondo sono stati costruiti nel deserto di Atacama, in Cile da un astrofisico italiano, Massimo Tarenghi. Sono telescopi, radiotelescopi e altri strumenti dell'Eso.

La loro costruzione è stata (ed è tuttora) un'impresa ciclopica, una sfida ingegneristica e scientifica che ha pochi eguali. E che ci ha permesso di osservare l'universo con occhi e strumenti sempre più potenti e affinati, permettendo ad astonomi ed astrofifici di fare scoperte sempre più importanti.

Massimo Tarenghi è uno dei più autorevoli astrofisici italiani viventi. Laureatosi all'Università di Milano in fisica, nel 1977 è entrato a far parte del personale internazionale dell'Osservatorio europeo australe (ESO, dall'inglese European Southern Observatory). Grazie anche alla sua visione e al suo impegno l'ESO oggi è dotata dei più potenti e sofisticati telescopi e radiotelescopi terrestri del mondo.

È stato infatti direttore del progetto del Telescopio di Nuova Tecnologia (NTT). Dal 1988 ha assunto varie responsabilità nel progetto VLT (Very Large Telescope), per poi diventare Program Manager e poi Direttore della Divisione del VLT. Dal 1996 al 1999 è stato il primo Direttore dell'Osservatorio di Paranal.

Dal 2003 ha ricoperto la responsabilità di Direttore di ALMA. Insomma, conosce i grandi osservatori dell'ESO che si trovano nel deserto di Atacama come, o forse meglio, di casa sua.

Professore di astrofisica all'Università di Milano dal 1985 al 1988. I suoi interessi scientifici includono gli ammassi di galassie, la distribuzione della materia su grande scala, e nuclei attivi. È membro della accademia dei Lincei nonché Grande Ufficiale della Repubblica Italiana.

26 luglio 2022 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us