Com’era il nonno del pomodoro? | Piero Morandini

Gli antenati delle piante coltivate come il pomodoro, la melanzana o il riso, erano e sono ancora molto diversi dai loro discendenti che consumiamo ogni giorno.

Se oggi possiamo godere di due autentici piaceri della vita – la pizza e la pasta con il sugo – lo dobbiamo ad alcuni sconosciuti contadini americani, vissuti qualche migliaio di anni prima di Colombo: furono loro a iniziare a coltivare una bacca grande più o meno come un mirtillo coltivato. Grazie a loro, e a chi a ogni raccolto ha selezionato altre modifiche nel passare degli anni, oggi abbiamo il pomodoro come lo conosciamo, da 100 a 1.000 volte più grande in volume. Nonché, appunto, la pizza e gli spaghetti conditi con esso…

La verdura, la frutta, i cereali che mangiamo sono infatti il risultato di un processo con cui noi umani abbiamo cambiato la natura: la "domesticazione" delle piante. Un processo, analogo a quanto abbiamo fatto con gli animali, che ha modificato quei vegetali in modo radicale.

Piero Morandini è ricercatore al Dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali dell'università di Milano dove tiene lezioni di Biologia cellulare e funzionale delle piante e Avanced Plant Cell Biotechnology per il corso di laurea in Biotecnologia. Laureato in chimica all'università di Torino, si è dedicato alla ricerca in biologia: ha lavorato all'Istituto Max Planck per la biochimica e all'Istituto di Zoologia dell'Università Ludwig-Maximilian, con borse di studio nell'ambito biologia molecolare e dello sviluppo del Dictyostelium, un'ameba del suolo. E in seguito a Cambridge (GB), al Laboratory of Molecular Biology (Medical Research Council. Negli ultimi anni la sua ricerca si è focalizzata sul controllo del metabolismo nelle piante.

È membro della Società Italiana di Biologia Vegetale (SIBV) e della Società Italiana di Genetica Agraria (SIGA). Scrive di biotecnologie agrarie su giornali e riviste, tra cui Avvenire, Tempi, IlSussidiario.net e Zenit e partecipa o a dibattiti pubblici e programmi radio e TV.

26 agosto 2022
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us