Allergie da tatoo? Non è colpa dell'inchiostro
Nel sangue di chi ha tatuaggi si trovano metalli, in quantità infinitesimali, che provocano allergie. Da dove provengono? Forse dall'ago e non, come si è sempre creduto finora, dall'inchiostro.
I vincitori dell'IgNobel 2019
Il premio alle ricerche che "prima fanno ridere, e poi riflettere" è andato a studi su alcune singolari asimmetrie maschili, sugli escrementi a forma di mattone del vombato e a una macchina cambia-pannolini.
C/2019 Q4: un secondo visitatore interstellare?
Una cometa dall'orbita inusuale potrebbe provenire dall'esterno del Sistema Solare. Diversamente da Oumuamua, può essere all'inizio di un viaggio nel nostro vicinato spaziale.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Una memoria da geni
La capacità di ricordare cambia da persona a persona e parte di questa differenza ha una base genetica.
Cellule cannibali
La micrografia elettronica (SEM) di una cellula dendritica evidenzia le lunghe proiezioni che rappresentano per la cellula gli strumenti per muoversi alla ricerca di cellule estranee. Parti attive...
Cellulari ad acqua
Come saranno alimentati i telefonini di domani? Ecco gli ultimi studi.
L'inquinamento: fa venire un colpo
Alti livelli di polveri sottili e biossido di azoto sono statisticamente correlati a un elevato numero di ricoveri negli ospedali si pazienti colpiti da colpo apoplettico.
La scienza? Va condivisa
Un gruppo di scienziati, tra i quali un premio Nobel, ha fondato Plos, un sito al quale chiunque può accedere gratuitamente per trovare articoli scientifici.
Il deserto dei geni
Molti tratti di Dna sembrano inutili. Sembrano... È stato scoperto infatti che anche in zone del Dna ritenute inutili ci sono frammenti che regolano l’attività di geni distanti.
Lucertola sotto il sole?
Sembra la termografia di una lucertola: strofinatevi gli occhi e non fatevi ingannare dalla foto. Non è niente di tutto ciò! Si tratta infatti delle onde radio intrappolate nel campo magnetico di...
Un nanetto nel computer
Un nuovo nanomateriale, con componenti dell'ordine del miliardesimo di metro, permetterà di miniaturizzare sempre di più i computer.