In volo l'aereo più grande del mondo
Con la sua apertura alare di 117 metri è l'aereo più grande ad avere mai decollato. Un colosso dell'aria progettato per lanciare satelliti. Il primo volo è andato bene, ma il suo futuro è incerto.
Una "meteora impossibile" ci ha colpito nel 2014?
Secondo alcuni scienziati, una meteora che ha impattato il nostro Pianeta nel 2014 aveva una velocità incompatibile con un oggetto proveniente dal Sistema solare. Ma non tutti sono d'accordo...
Nascita in diretta di stelle di neutroni
Un bagliore a 900 anni luce dalla Terra denuncia la nascita di un sistema binario di stelle di neutroni.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

L'Apollo 7 e il primo ammutinamento nello Spazio
L'11 ottobre 1968 partiva la missione che avrebbe aperto la strada a quelle lunari. Tra le tante prime volte, si registrò anche - complice un raffreddore - un piccolo atto di insubordinazione dell'equipaggio.
Atterraggio di emergenza per la Soyuz MS-10
La capsula in viaggio verso la ISS ha dovuto effettuare una discesa balistica poco dopo il lancio, a causa di un problema a uno dei booster. Già stabilito un contatto radio con l'equipaggio.
I detriti spaziali illuminati ad arte
In un progetto in collaborazione con l'ESA, l'artista olandese Daan Roosegaarde punta potenti fari LED in direzione dei rifiuti celesti che orbitano sopra alle nostre teste.
Nuovi problemi per Hubble
Un altro giroscopio fuori uso: il quarto su sei! Questo purtroppo impedisce al telescopio - in servizio dal 1990 - di mantenere con precisione il puntamento dello specchio.
La Voyager 2 vicina al Confine
Gli strumenti di bordo della Voyager 2 segnalano un aumento di raggi cosmici: dopo 41 anni di viaggio la sonda sta uscendo dall'eliosfera, per entrare nello spazio interstellare.
Il bagliore invisibile dell'Universo
Il Very Large Telescope ha visto una distante porzione dell'Universo risplendere della radiazione dell'idrogeno: ci sono enormi nubi di idrogeno in tutto l'universo primordiale.
Qual è il limite massimo di gravità sopportabile?
Ossa e muscoli funzionano quaggiù, ma cosa accadrebbe altrove? Un astronauta ben allenato sarebbe teoricamente in grado di camminare su un pianeta che abbia al massimo quattro volte la massa della Terra.
Le scoperte della Cassini prima della sua fine
Durante il tuffo nell'atmosfera del pianeta, Cassini ne ha "assaggiato" la pioggia di materiali, scoprendo una complessità chimica inaspettata e una rapida perdita di materiale dall'anello più interno.