Come nascono le stelle: nuove ipotesi
Cosa succede nelle nubi molecolari da cui nascono le stelle? Uno studio mette in evidenza una inattesa condizione di equilibrio tra turbolenza dei gas cosmici e attrazione gravitazionale.
Dalla ISS: un bagliore arancione avvolge la Terra
È l'airglow, un fenomeno atmosferico dovuto all'interazione con le radiazioni solari.
E se usassimo i laser per attirare E.T.?
Non è detto che sia una buona idea, ma in via del tutto teorica potrebbe funzionare: con le attuali tecnologie potremmo creare una radiazione infrarossa abbastanza potente da risultare visibile da Proxima Centauri.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Ecco il primo visitatore interstellare permanente
Un asteroide dell'orbita di Giove è il primo corpo celeste "alieno" residente fisso della nostra famiglia planetaria. Fu adottato da una stella della stessa nursery da cui proviene anche il Sole.
Un anno sulla Luna (a Pechino)
Yuegong-1, il Palazzo Lunare, è l'ambiente dove si effettuano test di permanenza sulla Luna, in Cina.
La Pale Blue Dot, versione CubeSat
Mentre accompagnava la sonda InSight nel suo viaggio verso Marte, uno dei due mini satelliti ha reso omaggio alla celebre foto scattata nel 1990 dalla Voyager 1, ritraendo il sistema Terra-Luna.
Il più affamato tra i buchi neri
Un buco nero scoperto all'inizio dell'Universo, a 12 miliardi di anni luce da noi: ogni giorno ingoia una quantità di materia pari al nostro Sole ed emette enormi quantità di raggi X.
Stelle superveloci attraverso la Via Lattea
Piccole stelle sfrecciano a migliaia di km al secondo attraverso la Galassia: alla ricerca della spiegazione di un fenomeno cosmico.
Il Big Bang e le prime stelle
Ossigeno e stelle così lontano nel tempo e nello Spazio che dobbiamo chiederci... Quanto poco vediamo dell'Universo?
Un esopianeta senza nuvole
I cieli limpidi di un "Saturno caldo" hanno permesso di studiare con un'accuratezza senza precedenti la composizione del suo involucro gassoso, che sembrerebbe ricco di sodio.
L'energia oscura e il Multiverso
Aumentando o diminuendo di centinaia di volte la quantità di energia oscura in altri universi, la formazione di pianeti resterebbe possibile: quello in cui viviamo non è un universo così eccezionale.