Venti anni di ISS: nel 1998 il primo blocco
Il primo avamposto umano nello spazio, la più grande e pacifica collaborazione scientifica della Storia, spegne 20 candeline.
Un fantasma alla periferia della Via Lattea
Antlia 2 si estende quanto la Grande Nube di Magellano, ed è 10 mila volte meno luminosa: finora era passata inosservata, ma non è sfuggita al satellite dell'ESA Gaia.
Nel mezzo di un uragano di materia oscura
Nella Via Lattea ci sarebbe della materia oscura che spiraleggia nel senso opposto rispetto a noi e alle altre stelle: la sua origine sarebbe un'antica collisione con una galassia nana.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

L'asteroide Ryugu in 3D
Il rugoso asteroide a forma di diamante nelle immagini 3D elaborate dalle foto di Hayabusa 2.
Astronomy Photographer of the Year 2018
Un temporale, la Luna di giorno, le macchie solari: il cielo ci offre bellezza di continuo, basta alzare lo sguardo. Le finaliste del concorso di astrofotografia più atteso dell'anno.
Zero macchie solari
Dalla fine di giugno non si vedono macchie sulla superficie del Sole: che cosa cambia per la Terra (e per noi)?
Le mappe globali di Plutone e Caronte
Le immagini del pianeta e della sua luna catturate da New Horizons sono state assemblate in mosaici topografici, con rilievi e depressioni che fanno impallidire quelli terrestri.
20 luglio 1969, Apollo 11: ecco la Luna
20 luglio 1969: il giorno che consacrò Armstrong, Aldrin e Collins alla Storia. Ecco immagini e animazioni di quei momenti che non smettono di emozionare.
Sonda Dawn: finale di missione
La sonda Dawn della Nasa ha quasi esaurito il carburante: nel giro di poche settimane si spegnerà il propulsore ionico, ma la navicella resterà in orbita attorno al pianeta nano Cerere.
Una nuova era delle osservazioni astronomiche
Un nuovo sistema di ottica adattiva permette al Very Large Telescope dell'ESO di compensare del tutto la distorsione causata dall'atmosfera: le prove generali sul pianeta Nettuno.
Vita su Marte: le prove cancellate dalle sonde?
Molecole organiche complesse furono forse individuate, molto prima che Curiosity fosse progettato, nel 1976. Ma un procedimento usato per farle "emergere" potrebbe averle bruciate.