I misteri di Giove svelati da Juno
La sonda della NASA sta indagando gli enigmi dell’interno del grande pianeta del Sistema Solare. Svelate le prime scoperte.
Piovono Orionidi
Le Orionidi, le stelle cadenti di ottobre, sono i detriti della cometa di Halley.
Che cosa è il limite di Chandrasekhar?
Il limite di Chandrasekhar dice se una stella diventerà un buco nero oppure una nana bianca. È un valore di massa, pari a circa una volta e mezzo la massa del Sole. Dopo la fine della vita...
Una nuova visione degli anelli di Saturno
Cominciano ad arrivare i primi studi sui dati inviati a Terra dalla sonda Cassini e, com'era previsto, le sorprese non mancano.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Kronos, divoratore di pianeti
Un astro simile al Sole sembra aver inglobato 15 masse terrestri di prole planetaria: quanto basta per guadagnarsi il nome dell'ultimo dei Titani, il padre di Zeus.
La nascita di una nuova astronomia
Perché l'ultima scoperta di LIGO e Virgo segna una nuova era dell'astronomia quella del multi-messaggero. Per l'astrofisica è come passare da un film muto a uno sonoro.
Violente tempeste sulla luna di Saturno
Pioggia, tempeste, inondazioni e siccità, tutto a base di metano: ecco il poco amichevole clima di Titano.
Il mondo ha visto nascere una stella
Strumenti e osservatori astronomici di tutto il mondo hanno seguito quasi in diretta la collisione e la fusione di due stelle di neutroni, un evento col suo corredo di raggi gamma e onde gravitazionali.
Nascita di una stella: le tappe della scoperta
La tappe della più straordinaria osservazione astronomica raccontate in tre immagini realizzate da INFN, INAF e ASI.
Onde gravitazionali e stelle di neutroni
Una nuova stella nasce in diretta, sotto gli occhi degli osservatori di tutto il mondo: le onde gravitazionali e i rilevatori LIGO e Virgo hanno annunciato l'evento.
Tornare sulla Luna pensando a Marte
Nell’incontro organizzato a Milano abbiamo parlato del futuro dell’uomo nello spazio: una base sulla Luna per arrivare sul pianeta rosso.
Lo schianto annunciato della base Tiangong-1
La stazione spaziale cinese impatterà sulla superficie terrestre entro i prossimi 7 mesi al massimo: ha infatti accelerato la sua discesa verso gli strati più esterni dell'atmosfera.