Spazio

Ecco l'astronave a vapore: il suo carburante è l'acqua che trova sui corpi celesti

Ecco l'idea di un nuovo tipo di sonda spaziale: può estrarre l'acqua da un corpo celeste e sfruttarla come carburante per proseguire la missione teoricamente all'infinito.

Si chiama WINE, che sta per World Is Not Enough (in italiano: "il mondo non è abbastanza") ed è un'astronave - la prima nel suo genere - progettata per impiegare come propellente l'acqua dei corpi celesti che incontra sulla sua strada. Qualcuno lo avrà già intuito: una simile navicella potrebbe dunque viaggiare praticamente all'infinito, facendo tappa su corpi celesti dove fosse presente acqua (e dove la gravità non fosse elevatissima).

E se il sole non c'è? Nata in Florida dalla collaborazione fra università e industria aerospaziale, la sonda spaziale potrebbe esplorare alcuni asteroidi, ma anche la Luna e Mercurio, che hanno mostrato di possedere riserve d'acqua nei poli. L'energia per estrarre il prezioso carburante e per produrre il vapore sarebbe fornita da un paio di pannelli solari. E se si volesse intraprendere una missione che prevedesse di allontanarsi dal Sole?

sonda spaziale, propulsione, vapore, illustrazione.
Illustrazione di come apparirà la sonda una volta ultimata secondo la Honeybee Robotics, ovvero la compagnia spaziale privata che ha partecipato alla sua realizzazione. © Honeybee Robotics

Senza frontiere. I progettisti hanno previsto la possibilità di inserire a bordo della sonda del materiale radioattivo che, decadendo (cioè facendo sì che alcuni nuclei atomici instabili si "trasformino" in nuclei più stabili), producano energia. Con questa batteria la sonda funzionerebbe dunque anche nel Sistema Solare esterno e potrebbe spingersi fin sulle lune di Giove e Saturno (come Europa e Titano) o addirittura su Plutone.

Mai a secco. «WINE è stata progettata per non rimanere mai senza propellente», ha dichiarato Phil Metzger, suo ideatore, ricercatore della University of Central Florida. Ma la possibilità di impiegare una stessa navicella per più esplorazioni spaziali dovrebbe portare anche altri vantaggi, come quello che, completata una missione, l'espolorazione potrebbe proseguire con nuovi obiettivi e verso altre destinazioni, senza la necessità di far partire una nuova sonda (e nuova missione) dalla Terra. Riducendo così, tempi e costi.

26 gennaio 2019 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us