Spazio

Virgin Galactic torna a volare

La nuova versione della SpaceShipTwo ha affrontato con successo il test inaugurale: a due anni dal tragico incidente nel Mojave, la compagnia riprende la corsa al turismo spaziale.

Il 31 ottobre 2014, la SpaceShipTwo "Enterprise" di Virgin Galactic si disintegrò in aria durante un test di volo nel deserto del Mojave, in California, causando la morte di un pilota e il ferimento del suo vice.

L'incidente - dovuto a un errore umano - decretò una pausa nell'avanzata di Richard Branson verso il turismo spaziale privato, uno stop durato fino a pochi giorni fa.

L'8 settembre 2016, la navicella madre WhiteKnightTwo ha sollevato in volo una nuova versione della SpaceShipTwo, ribattezzata "Unity", fino a oltre 15 mila metri di quota, in un lungo battesimo dell'aria per testare la resistenza del velivolo alle basse temperature.

Unite (per ora). Il test, riassunto nel video qui sopra, è durato 3 ore e 43 minuti, durante i quali Unity non si è mai staccata dall'aereo "base", diversamente da quanto dovrà fare in futuro: una volta in quota, la SpaceShipTwo è progettata per sganciarsi dalla navicella madre e decollare a sua volta per un volo suborbitale (in un lancio che non ha quindi bisogno di razzi).

successo. Branson ha commentato soddisfatto la performance, sottolineando che il nuovo velivolo è il primo prodotto interamente dalla sua compagnia - la SpaceShipTwo coinvolta nell'incidente era stata realizzata insieme alla Scaled Composites, un'altra azienda aerospaziale privata statunitense.

Il business. Una volta operativa la navicella dovrebbe far sperimentare alcuni minuti di microgravità a sei turisti disposti a spendere 250 mila dollari (223 mila euro) ciascuno per una breve esperienza da astronauti. Ma ancora non c'è una data: prima occorrerà che lo spazioplano superi alcune rigide procedure di verifica.

rivali. Intanto la Blue Origin di Jeff Bezos guadagna terreno sulle "disgrazie" della concorrenza (Space X). Il prossimo mese dovrebbe effettuare un test di in-flight escape (o launch abort system: una procedura per mettere in salvo capsula e passeggeri in caso di esplosione del booster) che potrebbe distruggere il razzo New Shepard, protagonista già di quattro voli e altrettanti rientri di successo.

Inoltre Blue Origin ha presentato il progetto di un nuovo razzo lanciatore, New Glenn, che dovrebbe effettuare il suo primo volo entro la fine del 2019.

La concorrenza spaziale si fa più dura. I lanciatori di Esa, Roscosmos, Nasa, Space X confrontati con il nuovo razzo di Blue Origin, il New Glenn. C'è anche il Saturno V, il lanciatore delle missioni Apollo. © Blue Orign

New Glenn prende il nome da John Gleen, il primo americano ad andare in orbita. È un razzo riutilizzabile in due versioni, a 2 stadi e a 3 stadi alti rispettivamente 82 e 95 metri, pensato per portare in orbita satelliti ed equipaggi umani.

Il New Glenn a 3 stadi, inoltre, sarà in grado di mettere in orbita veicoli che possano superare l'orbita terrestre e potenzialmente raggiungere la Luna o Marte.

13 settembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us