Focus

Vacanze sull'esopianeta

State già pensando alle prossime vacanze? Perché non provare un esopianeta? È solo fantascienza, ma questi poster in stile "tour operator dello spazio" sono bellissimi.

Purtroppo è ancora fantascienza, ma questi poster dal tocco un po' retro sono bellissimi, a metà tra le locandine di un film e la pubblicità di un'agenzia viaggi. Sono stati pubblicati dalla Nasa su Planet Quest.

Kepler-186f dove l'erba del vicino è sempre più rossa Si tratta del primo pianeta di dimensioni simili alla Terra scoperto in una zona potenzialmente abitabile fuori dal sistema solare. Qui vi sono forse le condizioni per l'esistenza di acqua e di vegetazione, anche se la sua stella è più fredda e la sua luce più rossa di quella del nostro Sole. Nel caso vi fosse vegetazione, la sua fotosintesi, e quindi anche il suo colore, potrebbero essere influenzati dalla diversa lunghezza d'onda dei fotoni della stella.

Prova la gravità di HD 40307g, la super-Terra. Con un volume due volte quello terrestre, HD 40307g è a metà tra una super-Terra e un mini-Nettuno. Gli scienziati ipotizzano che la sua superficie sia rocciosa, ma potrebbe essere ricoperta da uno spesso strato di ghiaccio e gas. Una cosa è certa: con una massa otto volte superiore a quella terrestre, la sua gravità è molto più potente.

Rilassati su Kepler-16b, dove la tua ombra è sempre in compagnia Avete presente i due soli di Tatooine in Star Wars? Anche Kepler-16b orbita intorno a due stelle. Si stima che possa essere grande quanto Saturno, ma a dire la verità laggiù c'è poco da rilassarsi. Pare che la sua superficie abbia una temperatura simile a quella del ghiaccio secco (quasi -80°C). Per questo in realtà non si tratta di un esopianeta abitabile.

PSO J318.5-22, dove la vita notturna non finisce mai. Semplicemente, perché non c'è alcuna stella a rischiare il giorno: il corpo celeste in questione, scoperto, nel 2013, fa parte della classe dei misteriosi "esopianeti erranti", corpi dall'orbita solitaria, che sembrano fluttuare liberi nello spazio. Con sei volte la massa di Giove, e formatosi appena 12 milioni di anni fa, si trova a "soli" 80 anni luce dalla Terra. Nel caso sentiste il bisogno di notti più "giovani" e lunghe di quelle terrestri

Questo poster e i seguenti sono invece il risultato del lavoro di Steve Thomas, illustratore che ha realizzato questi lavori per l'Intergalactic Travel Bureau (un progetto di divulgazione scientifica che vuole insegnare concetti legati allo spazio attraverso finti depliant di viaggio). Per l'occasione, ci spostiamo all'interno del Sistema Solare.

Vola attraverso la Cintura degli asteroidi. La fascia principale degli asteroidi, situata tra le orbite di Marte e di Giove, ne contiene 1,1 milioni di almeno 9,5 km di diametro. Scherzi a parte, gli asteroidi sono tra i target reali delle prossimi missioni della Nasa. Tra i progetti dell'agenzia spaziale c'è quello di catturare un asteroide e trascinarlo in orbita lunare, per poi raggiungerlo con missioni umane.

Veleggia sotto i ghiacci di Nettuno. Per chi fosse stufo di mondi rocciosi esiste sempre l'opzione crociera: naturalmente a bordo di Tritone, una nave che porta lo stesso nome della principale luna di Nettuno. Sul pianeta non esiste una superficie vera e propria: l'atmosfera di idrogeno, elio e ghiacci di acqua, ammoniaca e metano si fonde con l'acqua, e attraverso le nuvole è possibile scorgere i 13 satelliti e gli anelli del pianeta. Non adatto a chi soffre il mal di mare: i venti, sull'ottavo pianeta del Sistema Solare, possono essere anche nove volte più impetuosi di quelli terrestri.

Vai ad arrampicare su Titano. Perché no? Le montagne di ghiaccio della più grande luna di Saturno si stagliano per 1500 m di altezza per 150 km di estensione: una catena montuosa con "vista" sui laghi di idrocarburi attraversati da onde imponenti e cambi di marea. Unico "neo": per raggiungere questo mondo che anche la Nasa vorrebbe esplorare, occorrerebbero almeno 6 anni e diversi miliardi di dollari.

Un piccolo pianeta, per un grande divertimento: tutti a sciare su Plutone! Ghiacciai di azoto, metano e monossido di carbonio e catene montuose di acqua ghiacciata che raggiungono i 3.500 metri di quota: New Horizons ci ha regalato nuove, invitanti cartoline dal pianeta nano che, per di più offre condizioni gravitarie pari a un quindicesimo di quelle terrestri: una manna per gli appassionati di evoluzioni sulla neve. Dopo la sciata si potrebbe godere di un triplo chiaro di luna: quello di Caronte, Notte e Idra.

Esplora i canyon di Marte. Guarda Marte con gli occhi di un rover. Addentrati nei suoi canyon, scattati selfie marziani e - una possibilità aggiunta solo di recente - guarda le tracce d'acqua e le valanghe di ghiaccio prima che si dissolvano completamente.

Avventure lunari: guarda la Terra con altri occhi Per chi ha poco tempo per una vacanza e vuole mantenersi "nei paraggi" è questa l'opzione più indicata: una puntatina sulla Luna per vedere la Terra come non l'abbiamo mai vista. La gravità lunare, pari a circa un sesto quella terrestre, permetterebbe tranquille escursioni, con lenti rimbalzi, tra un cratere lunare e l'altro.

Purtroppo è ancora fantascienza, ma questi poster dal tocco un po' retro sono bellissimi, a metà tra le locandine di un film e la pubblicità di un'agenzia viaggi. Sono stati pubblicati dalla Nasa su Planet Quest.

Kepler-186f dove l'erba del vicino è sempre più rossa Si tratta del primo pianeta di dimensioni simili alla Terra scoperto in una zona potenzialmente abitabile fuori dal sistema solare. Qui vi sono forse le condizioni per l'esistenza di acqua e di vegetazione, anche se la sua stella è più fredda e la sua luce più rossa di quella del nostro Sole. Nel caso vi fosse vegetazione, la sua fotosintesi, e quindi anche il suo colore, potrebbero essere influenzati dalla diversa lunghezza d'onda dei fotoni della stella.
5 ottobre 2015 | Sara Zapponi