Scienza

Uomini e donne nello spazio, il fisico si comporta in modo diverso

Uno studio decennale della Nasa mette in risalto le diversità comportamentali degli uomini e delle donne nello spazio

Le pari opportunità non abitano nello spazio. Anche nelle missioni spaziali, infatti, la parità di genere è una chimera. Basta un dato: gli uomini che sono andati nello spazio sono 477, le donne solo 57. Anche noi italiani non siamo da meno. Dopo 6 astronauti maschi, la prima donna, Samantha Cristoforetti, partirà domenica 23 novembre.

Questa enorme discrepanza, però, non ha impedito di studiare gli effetti sul corpo femminile e su quello maschile della permanenza nello spazio. L’organismo degli uomini e delle donne si comporta in modo diverso nello spazio. È questo il risultato di anni di studi realizzati dalla Nasa e dal Nsbri (National Space Biomedical Research Institute) sugli astronauti che hanno viaggiato nello spazio.

I ricercatori americani si sono concentrati sui problemi cardiovascolari, immunologici, senso motori, muscolo-scheletrici che l’assenza di gravità e le radiazioni cosmiche possono causare.

I problemi da risolvere non sono di poco conto ed è per questo che la Nasa è da anni impegnata a studiare gli effetti sulla salute delle e visto che si avvicinano sempre più i lunghi viaggi spaziali da compiere molto lontani dalla Terra e dalla protezione che il campo magnetico offre agli astronauti che invece vivono a bordo della ISS.

L'esercizio è fondamentale nello spazio per evitare serie conseguenze causate dalla mancanza di gravità © NASA

Ma ecco alcuni esempi della differenza tra uomini e donne nello spazio (e dopo il loro ritorno):

  • Gli astronauti, al loro ritorno non riescono a stare in piedi a lungo senza svenire. Questo problema si chiama intolleranza ortostatica ed è più diffusa tra le donne. In altre parole le donne svengono prima degli uomini. Ciò sembra legato a problemi vascolari che si manifestano più fortemente nelle persone di sesso femminile.
  • Le donne, durante un volo spaziale, presentano una maggiore perdita di volume del plasma sanguigno rispetto agli uomini e la risposta allo stress cui si è sottoposti durante la permanenza a bordo della Iss determina un aumento della loro frequenza cardiaca più accentuata rispetto agli uomini, mentre questi ultimi rispondono con un aumento della resistenza vascolare.
  • Tutti gli astronauti accusano problemi agli occhi causati dalla mancanza di gravità. In percentuale (82%) ne hanno sofferto di più gli uomini delle donne (62%). I casi clinicamente significativi si sono tutti registrati negli uomini.
  • Sono stati riportati anche cambiamenti della funzionalità del sistema immunitario. Tuttavia le differenze non si sono registrate in volo, ma a terra. Le donne si sono mostrate più resistenti rispetto agli uomini.
  • Le radiazioni sono un importante pericolo durante i voli spaziali. È stato dimostrato che le donne sono più suscettibili al cancro dovuto alle radiazioni dei loro colleghi maschi. Quindi si dovrà provvedere a schermare molto di più le navicelle se a bordo vi saranno donne.
  • Sono ancora poche le donne che hanno viaggiato nello spazio rispetto a quello degli uomini © NASA

  • La risposta dell’apparato muscolo-scheletrico è molto variabile tra singoli astronauti e non c’è una distinzione netta tra i due sessi. Per le donne invece, si è notato un numero superiore di infezioni alle vie urinarie rispetto agli uomini, ma in tutti i casi risolti con antibiotici.
  • Al ritorno a Terra gli uomini hanno avuto più problemi a riadattarsi alla gravità che non le donne, anche se queste ultime presentano problemi di “mal di spazio” superiore agli uomini.
  • Non ci sono differenze invece, sul comportamento psicologico tra uomini e donne così come sul sonno.
  • I ricercatori tuttavia, sostengono che gli studi devono ancora essere approfonditi, in quanto il numero di uomini che ha volto è molto superiore rispetto a quello delle donne e dunque i risultati potrebbero essere non del tutto corretti.

    18 novembre 2014
    Ora in Edicola
    Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

    Ascesa e declino di Sparta, la polis greca che dominò il Peloponneso con la sua incredibile forza militare e un'organizzazione sociale che forgiava soldati e cittadini pronti a tutto. Perché Beethoven cambiò per sempre il mondo della musica; gli esordi dell'Aids, l'epidemia che segnò un'epoca.

    ABBONATI A 29,90€
    Questo numero di Focus è speciale perchè l'astronauta dell'Esa Luca Parmitano ci ha affiancato per realizzare un giornale dedicato alle frontiere della scienza, dalla caccia agli esopianeti alla lotta contro il coronavirus fino agli organi stampati in 3d. Grazie Luca per i tuoi consigli e suggerimenti!
    ABBONATI A 29,90€

    Cosa posso comprare nel mondo con un euro? Perché i crackers hanno i buchi? Dove vanno i gatti quando spariscono da casa? Quanto può dormire un batterio? Correre una maratona fa ringiovanire? Con Focus D&R trovi più di 250 risposte rigorosamente scientifiche alle domande più curiose, divertenti e (anche) un po' folli che potresti mai immaginare.

     

     

    ABBONATI A 14,90€
    Follow us