Spazio

Un’esplosione di raggi gamma apocalittica

Il satellite dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) Integral, il cui scopo è quello di osservare il cielo alle lunghezze d’onda dei raggi gamma (la...

Il satellite dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) Integral, il cui scopo è quello di osservare il cielo alle lunghezze d’onda dei raggi gamma (la radiazione più energetica dello spettro elettromagnetico), ha rilevato una delle esplosioni di raggi gamma più violente mai finora viste. Una meticolosa analisi dei dati ha permesso per la prima volta di indagare sulle fasi iniziali dell'esplosione di una stella gigante che ha espulso getti di materia a velocità prossime a quella della luce, e a convalidare alcune ipotesi relative ai meccanismi che ne stanno alla base.

L’osservatorio orbitante per raggi gamma Integral.

Il 19 dicembre 2004, Integral registrò tutte le fasi di questo evento parossistico, uno dei gamma-ray burst (GRB) più energetici tra quelli finora osservati. La durata di questo evento di straordinaria luminosità è stato di poco inferiore ai 9 minuti ed ha permesso di indagare su una proprietà della radiazione elettromagnetica nota come polarizzazione. È risultato che il flash di raggi gamma emessi da GRB 041219 A (questa è la sigla con cui è stata battezzata questa sorgente) erano fortemente polarizzati e variabili in intensità e orientamento della polarizzazione stessa. La polarizzazione è un fenomeno che riguarda la direzione di vibrazione del vettore campo elettrico di un’onda elettromagnetica rispetto alla sua direzione di propagazione, e consiste nella predominanza di una particolare direzione di vibrazione tra tutte quelle possibili. Nel caso della luce visibile, ad esempio, gli occhiali polarizzati fanno passare soltanto la luce polarizzata in una certa direzione bloccando la maggior parte di quella polarizzata in altre direzioni.

Secondo le attuali conoscenze, uno dei meccanismi che può produrre l'esplosione di un GRB è quello di un oggetto gassoso che si muove ad altissima velocità a partire da un “motore centrale”, molto probabilmente un buco nero generato dal collasso di una stella supermassiccia.


Riproduzione artistica delle regioni centrali di una stella supergigante poco prima della sua implosione. Il ‘gamma ray burst’ è probabilmente generato da un getto di particelle relativistiche che provengono dal “motore centrale”, verosimilmente un buco nero prodotto dal collasso della stella.

Nel caso dei GRB, la polarizzazione è correlata alla struttura del campo magnetico del getto di materia, che rappresenta quindi uno dei parametri con cui è possibile studiare i meccanismi che producono il getto stesso. In un primo scenario, delineato per cercare di spiegare i meccanismi responsabili di questo evento straordinariamente energetico, il getto di materia trasporterebbe nello spazio una parte del campo magnetico del motore centrale; un secondo modello riguarda il caso estremo in cui il getto non contenga gas ma sia costituito soltanto dal campo magnetico; un terzo implica che il getto generi il campo magnetico a una certa distanza dal buco nero; è stato infine proposto un quarto modello in cui il getto si muove attraverso un campo di radiazione preesistente.


In ciascuno dei primi tre scenari, la polarizzazione è generata da radiazione di sincrotrone: il campo magnetico intrappola gli elettroni e li accelera a velocità relativistiche su traiettorie a spirale, con la conseguente emissione di radiazione polarizzata. Nel quarto scenario la polarizzazione ha origine invece a seguito delle interazioni tra gli elettroni nel getto ed i fotoni del campo di radiazione esistente.
L’analisi dei dati fa propendere per il modello di sincrotrone, e che dei tre scenari il più probabile sia il primo, in cui il getto di materia trascina il campo magnetico del motore centrale nello spazio. Sfortunatamente molti GRB sono troppo deboli perché sia possibile misurare con gli strumenti di cui disponiamo attualmente il livello di polarizzazione della radiazione che emettono, per cui sarà difficile in un prossimo futuro poter convalidare le conclusioni di questo studio.

Se un evento del genere coinvolgesse una stella presente in un raggio di alcune centinaia di anni luce da noi, molte delle attività biologiche presenti sulla Terra verrebbero “sterilizzate”.

7 aprile 2009 Mario Di Martino

Codici Sconto

73 Coupon e Nuovi Sconti
Codice Sconto Asos

Codice Sconto Asos

Buoni Sconto Asos -20% extra

Codice Sconto Farfetch

Codice Sconto Farfetch

Codice Sconto Farfetch - risparmia il 10%

Codice Sconto Luisa Via Roma

Codice Sconto Luisa Via Roma

Codice Sconto Luisa Via Roma del 40%

Codice Sconto Yoox

Codice Sconto Yoox

Codice Promo Yoox 15% con iscrizione

Codice Sconto Zalando Prive

Codice Sconto Zalando Prive

Zalando Prive Coupon Spedizione a soli 4,90€

Codice Sconto Footlocker

Codice Sconto Footlocker

Buono FootLocker del 10% per studenti

Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us