Spazio

Una misteriosa macchia fredda sulla luna di Giove, Europa

La prima mappa completa della temperatura superficiale del satellite ghiacciato di Giove evidenzia una regione che irradia meno calore delle altre. A che cosa si deve questa diversità?

Si è a lungo parlato delle macchie chiare sul pianeta nano Cerere; ora l'attenzione degli astrobiologi si concentra su un'altra "macchia", di diversa natura: una regione inspiegabilmente più fredda rilevata sulla superficie di Europa, il satellite ghiacciato di Giove.

Samantha Trumbo e i colleghi del California Institute of Technology hanno usato l'Atacama Large Millimeter Array (ALMA), una rete di 66 radio antenne sparse per il Cile, per misurare il calore irradiato dalla superficie del satellite. Ne hanno ricavato quattro immagini termiche, che insieme costituiscono la prima mappa completa della temperatura della luna di Giove.

Analizzando i dati, i ricercatori hanno rilevato la presenza di una regione ampia circa 300 km che risulta più fredda di 9 °C rispetto a quelle circostanti. La scoperta è del tutto inaspettata per gli scienziati, che erano invece alla ricerca di aree più calde, ossia di indizi di un'attività geologica in corso.

Le ipotesi sul piatto. La "macchia" potrebbe semplicemente emettere meno calore delle aree limitrofe, oppure impiegare più tempo a scaldarsi nel "mattino" di Europa; il ghiaccio di cui è composta potrebbe avere una diversa composizione, che rende più difficile il passaggio di calore.

Se la presenza della macchia fosse confermata, potrebbe forse trattarsi di ghiaccio più giovane (perché meno frammentato). Questa caratteristica lo renderebbe particolarmente interessante da studiare, in un contesto già molto promettente: il satellite è forse il primo candidato in lista del Sistema Solare tra quelli adatti a sostenere la vita.

C'è, ma non si vede? Tuttavia, i dati storici della sonda della NASA Galileo sulla riflettività superficiale (albedo) di quell'area non rivelano alcuna anomalia. Tanto che il gruppo di ricerca dubita non solo del motivo, ma anche dell'esistenza stessa della macchia. Per risolvere il dilemma, non resta che raccogliere maggiori informazioni.

6 settembre 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us