Spazio

Una meteorite da 70 tonnellate nei cieli della California

Il 22 aprile un grande meteorite ha solcato, in pieno giorno, i cieli della California. Cronaca di una mattina da film...

Domenica 22 aprile, alle 8 del mattino, migliaia di abitanti della California centro settentrionale sono stati svegliati di soprassalto da un fragoroso boom: era l'esplosione di una grande meteorite entrata da poco nell'atmosfera terrestre. Secondo Bill Cook del Meteoroid Environments Office della NASA la roccia poteva avere le dimensioni di un furgoncino e il peso di circa 70 tonnellate.

Superfuoco artificiale
A contatto con la nostra atmosfera si è disintegrata, liberando una quantità di energia pari a circa 5 kilotoni, equivalenti cioè a quella liberata dall'esplosione di 5.000 tonnellate di tritolo.
Il rumore è stato assordante: le finestre delle abitazioni hanno inziato a tremare e in molti hanno preso d'assalto i centralini della polizia e dei vigili del fuoco pensando che la zona fosse stata investita da un terremoto. La prima esplosione è stata seguita da una serie di piccoli bang supersonici provocati dai frammenti della roccia che volavano nell'aria a oltre 1.500 km/h.
Si è trattato di un evento unico e spettacolare: le meteore che cadono di solito sulla Terra sono visibili solo di notte e ciò che si vede sono per lo più scie lasciate da granuli di roccia molto molto piccoli. Ma da dove veniva questo bolide? Secondo gli esperti potrebbe essere schizzato fuori dalla fascia degli asterodi, un'area compresa tra Marte e Giove dove stazionano detriti e rocce spaziali. Arrivato nei pressi del nostro pianeta sarebbe quindi stato catturato dalla forza di attrazione gravitazionale terrestre.

Corsa al sasso spaziale

E immediatamente dopo l'esplosione in una vasta zona della California si è scatenata una massiccia caccia al frammento di meteorite. Appassionati di astronomia e semplici curiosi hanno passato al setaccio migliaia di chilometri quadrati di terreno in cerca delle pietre bruciacchiate.
Dalle prime analisi si tratterebbe di condriti carbonacee, rocce note da tempo per contenere al loro interno alcuni amminoacidi cioè le sostanze da cui hanno origine le proteine e quindi la vita. Secondo gli esperti sarebbe la prova che gli elementi fondamentali alla nascita di organismi complessi si troverebbero un po' ovunque, sparsi nell'universo.
E in tempi di crisi anche le meteoriti possono diventare un business: negli ultimi giorni molti siti di annunci e aste americani propongono a pochi dollari i frammenti della roccia spaziale.

30 aprile 2012 Franco Severo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us