Spazio

Un piccolo razzo per piccoli satelliti privati

In Nuova Zelanda si è svolto con successo il battesimo dell'aria dell'Electron, il razzo con motore stampato in 3D della Rocket Lab: il paese si candida per lanci spaziali accessibili e poco costosi.

Si è svolto oggi con successo dalla penisola di Mahia, in Nuova Zelanda, il primo lancio spaziale di un razzo da una piattaforma privata. L'Electron, un vettore della Rocket Lab, una compagnia spaziale della Silicon Valley, ha completato il primo di tre test di volo previsti, ancora senza payload (carico scientifico) e pur senza raggiungere l'orbita, come invece dovrà fare quando lancerà carichi fino a 150 kg di peso a 500 km di quota, fanno sapere gli ingegneri della società.

Più piccolo e snello. Il lancio è importante per una serie non trascurabile di ragioni, in un settore in rapida crescita come quello delle compagnie spaziali private. In primo luogo, il razzo è in formato "tascabile": misura "solo" 17 metri in altezza (quanto 8 giocatori di NBA e mezzo messi uno sopra l'altro, cit.) per 1,2 metri di diametro.

Per fare un confronto, il Falcon 9 di Space X è alto 70 metri per 3,6 metri di diametro, e può portare in orbita bassa 22.800 kg di peso.

La piattaforma di lancio panoramica a Mahia, in Nuova Zelanda. © Rocket Lab

Più economico. Il costo di un lancio con un vettore di Musk è di 62 milioni di dollari (listino 2016). Quello di un Electron della Rocket Lab, che ha il motore stampato in 3D, è di 5 milioni di dollari (4,45 milioni di euro). Una cifra decisamente più accessibile per le piccole startup impegnate nella costruzione di satelliti di ridotte dimensioni, che hanno bisogno di lanci veloci e meno impegnativi.

Nuovo hub. Inoltre la Nuova Zelanda si trova in una posizione strategica per missioni di questo tipo. Il traffico navale e aereo è ridotto rispetto agli Stati Uniti - a sud c'è soltanto l'Antartide - e si trova in un punto ottimale per lanciare satelliti che seguano un'orbita polare nord-sud.

26 maggio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us